VIDEO. Un paio di lontre giganti si uniscono allo zoo di Palmyre

Foche? Leoni marini? No, sono davvero lontre giganti. “Sono arrivati ​​dagli zoo di Lipsia in Germania e Givskud in Danimarca, evolvendosi ai piedi del vivarium, in un recinto completamente ristrutturato dopo la partenza degli orsi polari nel 2019, spiega Florence Perroux, responsabile della comunicazione e della mediazione scientifica dello zoo di Palmyre, situato nel comune di Mathes, nella Charente-Maritime. La loro installazione consiste in un edificio riscaldato dove sono installate le tane destinate alla riproduzione, oltre a un recinto esterno vegetato e un enorme bacino acquatico contenente un volume d’acqua di circa 700 m³ e che permette di “osservare gli animali quando si evolvono sott’acqua” .

L’obiettivo dello zoo è che Arni e Brazilia abbiano bambini. Da adulti, queste lontre possono raggiungere quasi i 2 metri. La lontra gigante è la più grande delle 13 specie di lontre conosciute. Il suo corpo snello, i piedi palmati e la potente coda appiattita gli consentono di spingersi sott’acqua ad alta velocità. Prevalentemente piscivoro, consuma dai 3 ai 4 kg di pesce ogni giorno.

Da 1 a 4 cuccioli per figliata

La femmina partorisce una cucciolata da 1 a 4 cuccioli allevati in una tana detta “catiche”. Rimangono al suo interno per un massimo di circa 6 settimane prima di avventurarsi all’esterno. Vengono svezzati intorno ai 9 mesi e adulti intorno ai 2 anni e mezzo.

Florence Perroux spiega che la lontra gigante è a “un animale molto socievole e giocoso, passa molto tempo a pulirsi, scherzare e riposare a parte i tempi passati a cercare prede da sfamare”.

Leave a Comment