Vandea: con i suoi menù anti-crisi, questo ristoratore è passato da 5 posti a tutto esaurito!

Mickael Benoit è a capo di La Pagaille, un’accogliente brasserie nel centro di Sablais. ©Journal des Sables

12:45, questo giovedì 7 marzo nel centro della città di Les Sables-d’Olonne. Sul Cours Louis Guédon la pioggia cade sui corpi dei pochi veicoli parcheggiati in un parcheggio che è stato nuovamente caricato dal 1 aprile. Il vento soffia abbastanza forte e spinge i pochi curiosi che hanno trovato rifugio nel ristorante più vicino. Dove riscaldarsi con dei buoni piatti fatti in casa.


Spingendo le porte del ristorante La Pagaille, già Papagaio, non siamo gli unici ad aver optato per questo locale come luogo di comfort. Il locale vuole essere semplice, adatto alle famiglie e soprattutto accessibile a tutte le tasche. Soprattutto dal 15 marzo. Data in cui il tuttofare del ristorante, Micael Benoit, ha deciso di lanciare i suoi menu “anticrisi”.

idea semplice

L’idea è semplice, per 8 € (antipasto-portata principale o portata principale-dessert) o 10 € (antipasto-portata principale-dessert), il gestore propone piatti generosi e semplici serviti con disinvoltura. “Ho deciso di adottare questi menù quando il prezzo della benzina era solo in aumento”testimonia questo ex manager di un’azienda specializzata in paesaggistica. “Mi sono basato sulla mia esperienza come capo, in particolare ho dato i biglietti del ristorante ai miei dipendenti. Mi dicevo che con 8 o 10 euro potevo attrarre una certa clientela. »

E non solo lavoratori. Infatti, attorno ai tavoli allestiti in quell’ora di pranzo, si affollavano impiegati del terziario, banchieri o addirittura pensionati per assaggiare la cucina di Micael.

“Non ho una mappa. Offro solo 2 antipasti, 2 portate principali e 2 dessert che variano ogni giorno. L’obiettivo è quello di offrire una cucina accessibile a tutti, realizzata con prodotti locali, freschi e di stagione. Con porzioni particolarmente ragionevoli sui piatti. »

Micael Benoit, gestore del ristorante La Pagaille
Una cucina
Una cucina semplice, genuina e generosa. ©Journal des Sables

Infatti, né troppo riempiti, né troppo pieni, i piatti sono tutti finiti dai clienti, presenti, quel pomeriggio. “L’obiettivo è anche non sprecare realizzando il 90% dei piatti. In modo che le persone vengano a mangiare semplicemente, in un’atmosfera amichevole, come una brasserie parigina.

bel piccolo successo

E l’indirizzo comincia a riscuotere un bel po’ di successo. Sui social ma anche in loco.

“Sono passato dall’avere 5 posti all’inizio dell’anno ad avere il tutto esaurito adesso. Ogni mezzogiorno devo allontanare le persone. Ora è prudente prenotare per avere un tavolo. »

Micael Benoit, gestore del ristorante La Pagaille

Anche se l’operazione è più il risultato di una trovata pubblicitaria che di un colpo finanziario.

Video: attualmente su Actu

“Con prezzi così bassi, non riesco a trovarmi lì. Ma la cosa principale è altrove. L’obiettivo era farsi conoscere e vedere i clienti arrivare e tornare. Vedere le persone che si divertono a venire più volte alla settimana a pranzo oa cena a casa mia, è bello! »

Uno dei ristoranti più economici di Olonnes

E non è l’aumento programmato della sua formula che rischia di preoccuparlo.

“Anche aumentando i miei prezzi di 2€ il prossimo maggio, so che sarò uno degli indirizzi più economici di Sables-d’Olonne! »

Questo articolo ti è stato utile? Nota che puoi seguire Le Journal des Sables nella sezione Le mie notizie. In un click, dopo la registrazione, troverai tutte le novità delle tue città e dei tuoi brand preferiti.

Leave a Comment