Un Pointe-Noirien trova un pitone reale nella sua casa

Un pitone reale è stato trovato questa mattina a Pointe-Noire, vagante, in una casa privata. Questo non è il primo esemplare trovato per le strade dell’arcipelago negli ultimi anni.

Il risveglio è stato brutale per un residente di Pointe-Noire, questo sabato mattina. Poco dopo le 7 del mattino sono stati chiamati i vigili del fuoco, route de Monchéri, in paese, per la presenza di un serpente errante in un’abitazione privata. Quando sono arrivati ​​sul posto, i soccorritori hanno scoperto un pitone reale lungo due metri. L’animale era stato accoltellato a morte dall’individuo.

Il serpente è stato recuperato dai vigili del fuoco prima di essere affidato all’Ufficio francese per la biodiversità.

Questa non è la prima volta che i rettili vengono trovati allo stato brado o in case private in Guadalupa. Negli ultimi anni, i vigili del fuoco e i servizi delOFB è regolarmente intervenuto per recuperarli.

Il 1 ° febbraio, un residente di Deshaies ha trovato un pitone reale davanti alla sua casa a Caféière.

Nel giugno 2020 una coppia di pensionati residente a La Grippière, a Petit-Bourg, si è trovata faccia a faccia con un pitone in soggiorno.

Due mesi prima, un residente di Gosier aveva trovato un esemplare tagliato a metà, davanti alla sua casa.

Questo rettile fa parte dei New Pets (NAC) ma le normative sono specifiche in questo ambito: deve essere identificato tramite microchip. Il pitone reale, che non è velenoso, è una specie regolarmente offerta ai principianti. È un constrictor ed è una delle specie più popolari.

Si consiglia comunque di informarsi e attenersi, prima di adottare qualsiasi specie di questo tipo. Perché è anche un rettile che uccide la sua preda interrompendone la circolazione sanguigna e soffocandola.

Il pitone reale è protetto dalla Convenzione di Washington (Appendice II) e dalle normative europee (Appendice B). Oltre i 3 esemplari, è obbligatorio un certificato di capacità.

Leave a Comment