Un cane ben educato è un cane equilibrato

Situato alle porte del paese di Afa, il Club Canino CorsiCani propone corsi per imparare ad educare il proprio cane secondo il suo carattere e le sue esigenze. Gaëlle Genson, presidente della struttura, ci spiega il processo

LQuando si adotta un animale, indipendentemente dalla specie, è imperativo adattare il suo stile di vita per offrirgli una casa in cui si senta amato, sicuro e quindi realizzato. Questo è anche uno dei valori chiave sostenuti dal club canino Meteo a CorsiCani nella regione dell’Ajaccio.

Tanto da dire fin dall’inizio, il primo passo per raggiungere questo obiettivo è conoscere la razza di cane in questione prima di accoglierlo per essere sicuri di dargli un ambiente che soddisfi davvero le sue esigenze. Solo allora arriva ciò che permetterà a te e ai tuoi cari di vivere in armonia con il tuo compagno: l’educazione.

Certo, ci sono i classici, a cominciare dalla pulizia e dalla socialità, ma non vanno trascurati altri aspetti, come le basi dell’allenamento. Ciò rischierebbe di provocare nell’animale veri e propri problemi comportamentali che, se non corretti, potrebbero essere molto problematici.

L’aggressività è in cima alla lista. Ed è meglio non aspettare che la situazione sia ingestibile per agire. “Vediamo molti profili diversi. Alcuni aspettano fino all’ultimo momento, ma ci sono anche persone che anticipano molto e che ci chiamano prima di adottare per essere sicuri di sapere quale razza si adatta meglio al loro stile di vita. Alla fine, diamo davvero il benvenuto a tutto »preciso Gaelle Gensoneducatore canino, comportamentista e dirigente di CorsiCani. “I cani sono esseri viventi, con la loro personalità e caratteristiche. Ci sono alcuni che non sono fatti per vivere con una famiglia, per esempio. » Un punto che il professionista sottolinea con forza.

Dì no alla tendenza

Giustamente, visto che spesso osserviamo una moda passeggera nella scelta degli animali domestici. Questo porta regolarmente a situazioni drammatiche. “In questo momento sono i Malinois”lei si lamenta. “Ma non è per tutti. »

Questi cani infatti hanno esigenze ben specifiche ed è meglio astenersi se non si riesce a soddisfarle. Ma a volte, nonostante tutte le sue buone intenzioni, un maestro può semplicemente aver bisogno di aiuto.

È qui che entrano in gioco Gaëlle e i suoi colleghi. “In genere le persone vengono quando il cane ha 1 anno, ma possiamo lavorare con cani di qualsiasi età, niente è irrecuperabile e, soprattutto, non ci sono cani cattivi”, lei insiste. “Solo un animale incompreso che comunica come può. »

Corso per cani del Kennel Club -

Una citazione che conta perché quando si considera l’adozione di un animale da rifugio già adulto, l’idea che non saremo più in grado di correggere comportamenti problematici rimane un cliché che persiste e può rallentare. Per questo CorsiCani collabora molto con associazioni come il rifugio Caldaniccia, la ZPS o la Fondazione Assistenza Animali*.

Così, grazie a loro, padroni e cani possono ricominciare insieme. E se il consiglio varia a seconda dell’animale e del suo proprietario, il metodo è più o meno lo stesso. “Quando arrivano, iniziamo facendo una valutazione comportamentale per scoprire su cosa dobbiamo lavorare”spiega il presidente del club.

“Le persone a volte si prendono del tempo per accettarlo perché annunciamo verità che possono essere difficili da ascoltare, ma alla fine, dopo ci ringraziano, lei analizza. Diamo le chiavi dell’educazione secondo il profilo del cane e poi seguiamo la regola di ‘fai, fatti, lascia fare’. » Una semplice regola messa in pratica durante le lezioni impartite dal club.

E quest’ultimo può essere integrato dalla pensione educativa che lo specialista ha istituito. “Quando ho cani con problemi, aggressivi o timorosi per esempio, posso metterli a bordo e questo mi permette di fare molto lavoro”lei si entusiasma.

LEGGI ANCHE. Una partnership per gli animali

La pensione educativa

Un concetto interessante per i proprietari che lasciano il cane in servizio durante il giorno. L’animale si sfoga e gli educatori possono lavorarci. Poi il maestro viene a prenderlo la sera.

Esausto dalla sua folle giornata, il tuo compagno dormirà profondamente e sarà molto più rilassato. Sarà anche più a suo agio con i suoi congeneri dopo aver appreso le basi della socializzazione con i suoi compagni di collegio.

Corso per cani del Kennel Club -

Unico punto nero, questo sistema non può (per il momento) essere fatto per più giorni senza interruzioni.

“La terra non è mia, avverte Gaëlle Gensonquindi non posso ospitarli nella proprietà. Questo è proprio uno dei grandi progetti di CorsiCani: trovare nuovi terreni più grandi per una migliore installazione e prendersi cura dei cani oltre la giornata.

“Anche se siamo molto fortunati a poter essere qui, sogno di offrire una pensione di lungo periodo oltre alla pensione educativa dove le persone possano lasciare il proprio animale, per le vacanze o il fine settimana, in tutta sicurezza, il sapere in buone mani”aspira l’educatore.

Buono a sapersi: corsi e convitti educativi

• Il convitto educativo si svolge il martedì e il mercoledì. Può ospitare fino a 35 cani quando sono presenti tutti gli educatori.

• Le lezioni collettive si svolgono il lunedì e il sabato e si svolgono in compagnia dei cani e dei loro padroni. È anche possibile organizzare lezioni individuali secondo necessità. I punti su cui si è lavorato durante queste sessioni sono diversi. Troviamo ovviamente i classici dell’obbedienza con la scuola del cucciolo, ma anche programmi più avanzati (preparazione alle gare ad esempio). **

* Allo stesso tempo CorsiCani collabora anche con i membri del rifugio, i vigili del fuoco e gli agenti Capa per addestrarli e informarli della cattura di cani randagi.
**Maggiori informazioni disponibili sui social network del club o telefonicamente (contatti sulle loro pagine). Facebook: Club Canin CorsiCani SC e Instagram:
@CorsiCani SC.

Leave a Comment