Un avvocato e un detenuto sorpresi a fare sesso nel carcere di Santé

Una guardia carceraria sarebbe stata sfidata dalle ombre proiettate attraverso la finestra della stanza delle visite.

Lunedì 3 gennaio nel pomeriggio un supervisore del carcere di Sanità (Parigi) ha riferito alla sua amministrazione un incidente in una sala visite. Ha, infatti, sorpreso un avvocato che fa l’amore con il suo cliente, un detenuto.

Secondo Il parigino, chi denuncia il caso, l’agente sarebbe rimasto incuriosito dalle ombre proiettate dietro la finestra del salotto, un box di due metri quadri semplicemente attrezzato con un tavolo e due sedie. Il supervisore apre la porta e sorprende l’avvocato e il suo cliente, un uomo d’affari che sarebbe anche suo partner, avendo una relazione sessuale.

GUARDA ANCHE – Il detenuto evaso dalla prigione di Osny e il suo complice arrestato in Germania

Il regolamento carcerario non vieta i rapporti sessuali con un detenuto”,ma è all’interno di un quadro altamente regolamentato. Succede nelle unità abitative familiari“, descrive una fonte al parigino. In una sala visite dove si incontrano detenuti e avvocati, le procedure non sono le stesse, i primi non vengono perquisiti dopo il colloquio e subiscono una semplice palpazione. Di conseguenza, qualsiasi tipo di abbraccio può anche essere il pretesto per introdurre “certe cose come un telefono, droghe o persino un’arma“, continua la fonte. Allo stesso modo, sorge un rischio in tempi di Covid: “Non vogliamo finire con un grappolo per un gioco di gambe in aria“.

Le sanzioni sono possibili per entrambi i partner, anche se la loro stretta relazione è un elemento di contesto di cui tenere conto. Contattato da Le Figarol’accusa (informata dal penitenziario) e il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati non hanno risposto in merito. Per il detenuto è possibile una permanenza di alcuni giorni nella sezione disciplinare. Quanto all’avvocato, se in questo tipo di casi si intraprendono raramente procedimenti giudiziari, potrebbe in teoria ricevere una sanzione pronunciata dall’ordine degli avvocati.

Leave a Comment