“Tenere lontani bambini e cani”

I fertilizzanti possono contenere varie sostanze che possono essere molto tossiche per l’uomo e gli animali. I fertilizzanti a base di bucce di cacao sono particolarmente tossici per i cani, così come i fertilizzanti arricchiti con polpa di semi di ricino. Anche il cibo vegetale sotto forma di pellet NPK (azoto-fosforo-potassio) non è privo di rischi per l’uomo e gli animali.

“È quindi preferibile tenere lontani bambini e cani quando si lavora con i fertilizzanti, e preferibilmente fino a quando il prodotto non è penetrato nel terreno”, avverte il professor Dominique Vandijck, vicedirettore generale del Centro antiveleno. I fertilizzanti sono anche molto allettanti per i cani perché contengono farina di ossa, che si trova anche negli alimenti per animali come il cibo per cani.

Il Centro antiveleni ha ricevuto 191 chiamate per cani nel 2020, 206 nel 2021 e già 51 nei primi tre mesi dell’anno.

Il numero di richieste di fertilizzanti è aumentato in modo significativo dall’anno 2020, raggiungendo 354, ovvero un terzo del numero totale di richieste. “I telelavoratori hanno trascorso più tempo in giardino e, a causa dei confinamenti, molte persone hanno preso un animale domestico”, spiega il centro Antiveleno. Nel 2021 il numero di telefonate era pressoché lo stesso (348), ma tra gennaio e fine marzo 2022 erano già 82.

Leave a Comment