Sintomo del Covid-19: finalmente note le cause esatte della perdita dell’olfatto?

l’essenziale
La perdita dell’olfatto (o anosmia) è dovuta al danno al bulbo olfattivo causato dal Covid-19, secondo uno studio americano sull’argomento.

La perdita dell’olfatto in caso di Covid finalmente spiegata? Questo sintomo, uno dei più comuni del virus, è stato studiato per due anni e l’inizio della pandemia. Come i nostri colleghi del Delfina Libereuno studio americano, pubblicato sulla rivista scientifica Neurologia JAMA, ha analizzato gli organi prelevati da 23 persone morte di Covid-19 e un altro gruppo di 14 persone morte per un’altra causa.

Leggi anche:
Covid-19: perdita del gusto, febbre… con Omicron, sintomi diversi che durano meno tempo

Vasi sanguigni e assoni del bulbo olfattivo

I risultati dei ricercatori stabiliscono che il virus potrebbe essere collegato a danni evidenti al bulbo olfattivo, la regione del cervello che elabora l’olfatto. Nello specifico, i pazienti con Covid-19 hanno maggiori probabilità di avere vasi sanguigni e assoni danneggiati, la fibra nervosa che trasmette i segnali tra i neuroni, nel bulbo olfattivo. Nei pazienti deceduti per Covid, le connessioni sugli assoni erano del 60% più gravi e il 36% coinvolgeva vasi sanguigni microscopici rispetto alle persone morte senza aver contratto il virus.

Leggi anche:
INFOGRAFICA. Covid-19: Omicron, BA.2… Perché la Francia potrebbe non aver superato il picco delle contaminazioni

Ma come spiegano i nostri colleghi, ci sono ancora dubbi e cose da scoprire. Nello studio pubblicato lunedì, gli autori hanno chiarito che queste lesioni del bulbo olfattivo non sono state causate direttamente dal Covid, ma che potrebbero derivare da un’infiammazione causata dal virus.

Leave a Comment