sintomi e fonti alimentari preferite

Il potassio è un minerale essenziale che svolge diverse funzioni vitali nel corpo. Come il sodio e il cloro, è un elettrolita.

Crampi e mancanza di energia possono essere chiari indicatori di una carenza di potassio. Il primo istinto per rimediare è includere nella dieta gli alimenti che lo contengono per evitare gravi problemi di salute.

Il calo dei livelli di potassio può influenzare il sistema nervoso. Interrompe anche la comunicazione con le cellule muscolari nell’apparato digerente, nel cuore e in altri muscoli. La maggior parte del potassio nel corpo si trova nelle cellule. Una dieta equilibrata mantiene stabili i livelli di potassio nel sangue senza problemi.

Ma come fai a sapere se hai una carenza di potassio? Ecco alcuni segni:

  1. Ti senti stanco e debole

I primi sintomi di una carenza di potassio sono generalmente muscolari. Sono comuni dolori muscolari, crampi e debolezza anormale. Questa debolezza non colpisce solo le braccia o le gambe, ma anche i muscoli respiratori e gastrointestinali.

Bassi livelli di potassio impediscono alle cellule muscolari di ricaricarsi rapidamente di energia. Ciò provoca un affaticamento muscolare anormale e generale. Spasmi, formicolio o intorpidimento possono indicare che la carenza di potassio sta peggiorando.

  1. Battiti cardiaci irregolari

La carenza di potassio per lungo tempo può influenzare il cuore alterandone il normale funzionamento. Il primo sintomo sarà un battito cardiaco irregolare senza una causa apparente. La carenza di potassio può anche rallentare la frequenza cardiaca e quindi causare vertigini.

Esistono diversi tipi di aritmia. Alcuni fanno battere il cuore troppo velocemente, altri lo fanno lentamente. Tutti i tipi di aritmia possono causare una varietà di sintomi, che vanno dalle vertigini allo svenimento. Un battito cardiaco irregolare può anche essere accompagnato da mancanza di respiro, dolore toracico e sudorazione.

  1. Alta pressione sanguigna

Molti fattori influenzano la pressione sanguigna, tra cui la storia familiare, il sovrappeso e l’assunzione di sale. Determinante è anche una carenza di potassio. Sia l’eccesso che il suo deficit possono causare variazioni della pressione sanguigna. Mangiare troppo sale e poca frutta e verdura contribuisce all’ipertensione.

  1. Crampi

L’attività muscolare e il rilassamento dipendono dal potassio. Questo rilassamento può essere volontario o involontario, a seconda del tipo di muscolo che sta lavorando. In caso di carenza di potassio, il muscolo continua a contrarsi e provoca crampi. Se gli spasmi dolorosi dei muscoli delle gambe tendono a ripresentarsi, potrebbe essere dovuto a una mancanza di potassio. Questo è molto comune negli atleti che si allenano molto. Se questo è il tuo caso, è una buona idea bere una bevanda ricca di elettroliti che includa potassio di tanto in tanto.

Alimenti che aiutano a combattere la carenza di potassio

Ogni volta che parliamo di potassio, pensiamo che le banane siano un’ottima fonte. Sebbene sia vero che sono una buona fonte di questo minerale, non è l’unico alimento. Alcune delle opzioni che ti aiuteranno a porre rimedio alla carenza di potassio in modo naturale includono:

Banana

È noto che la banana è ricca di potassio e fornisce 370 mg per 100 grammi di polpa. Ricorda solo che se hai il diabete, non dovresti consumare questo frutto indiscriminatamente.

Patata

Se sei uno di quelli che ama un buon purè di patate, questo è per te. Le patate forniscono 418 mg di potassio per 100 grammi. Si consiglia di consumarlo al forno, alla griglia o al vapore ed evitare i fritti.

Cavolo

Il cavolo fornisce 450 mg di potassio per 100 grammi.

Avvocato

Questo alimento fornisce 487 mg di potassio per 100 grammi. Cogli l’occasione per gustarlo in un’insalata fredda.

Spinaci

Gli spinaci sono un ortaggio di stagione che puoi mangiare in diversi piatti. Fornisce 554 mg di potassio per 100 grammi.

Ora che hai un elenco di alimenti che li contengono, è una buona idea includerli regolarmente nella tua dieta.

* Presse Santé si impegna a trasmettere la conoscenza della salute in una lingua accessibile a tutti. IN NESSUN CASO, le informazioni fornite non possono sostituire il consiglio di un operatore sanitario.

Ti piace il nostro contenuto?

Ricevi le nostre ultime pubblicazioni gratuitamente e direttamente nella tua casella di posta ogni giorno

Leave a Comment