Salmonella: lotto di prosciutto crudo potenzialmente contaminato richiamato in tutta la Francia

l’essenziale
Dopo le pizze contaminate, il pane, i formaggi e i cioccolatini Kinder di Buitoni, ora sono i prosciutti crudi affumicati dell’Alsazia ad essere richiamati dopo la rilevazione della presenza di salmonella, ha indicato il sito governativo dedicato ai richiami di prodotti, Reminder Conso.

L’elenco non finisce mai. Molti prodotti alimentari, contaminati da batteri, sono stati ritirati dai loro produttori questa settimana in Francia. Dopo le pizze contaminate, il pane, i formaggi e i cioccolatini Kinder di Buitoni, è ora il turno dei prosciutti crudi d’Alsazia affumicati ad essere richiamati dopo la rilevazione della presenza di salmonella.

Il sito governativo dedicato ai richiami di prodotti, Rappel Conso, indica che il prodotto richiamato è l'”Hammon cru fumé d’Alsace supérieur demi” del marchio Maurer commercializzato tra il 30 marzo e il 7 aprile 2022 in tutta la Francia. Era stato distribuito dalla Cooperativa U di Mulhouse e da Colruyt nel Giura, nonché dalla Boucherie de la source in Lozère ea Vents d’Est Anatol nell’Alta Garonna.

Leggi anche:
Richiamo dei prodotti Kinder: contaminazioni, sintomi, persone a rischio… quattro domande sulla salmonellosi

Ricordiamo che, ingerita dall’organismo, questa salmonella provoca quella che viene chiamata “salmonellosi”: “Si tratta di una gastroenterite acuta”. descrive il professor Éric Oswald, professore di batteriologia e vicedirettore dell’INSERM Digestive Health Research Institute, il quale indica che sono soprattutto le popolazioni più fragili, come gli immunodepressi o i bambini, a essere più sensibili a questi batteri.

I sintomi legati alla contaminazione da salmonella compaiono solo pochi giorni dopo aver consumato cibo contaminato: diarrea, vomito, nausea, disturbi dell’apparato digerente, dolori addominali, febbre… “Resta violento”, commenta il professore, anche se la maggior parte dei sintomi permane relativamente benigno. “La disidratazione associata può diventare grave e pericolosa per la vita”, spiega l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Leave a Comment