ritrovata la zampa di un dinosauro ucciso 66 milioni di anni fa

Non ha precedenti: i primi resti fossili di un dinosauro ucciso dall’asteroide che colpì la terra 66 milioni di anni fa sono stati trovati negli Stati Uniti, a Tanis, nel North Dakota. Secondo i paleontologi citati dalla BBC, si tratta di una zampa di Thescelosaurus, un piccolo erbivoro. Secondo quanto riferito, i ricercatori hanno anche trovato un frammento della roccia spaziale che l’ha ucciso accanto ad esso, suggerendo che la creatura fosse “sepolta il giorno dell’impatto”.

“È l’oggetto più incredibile che possiamo immaginare qui, lo scenario migliore, l’unica cosa che abbiamo sempre voluto trovare su questo sito e ce l’abbiamo ora”, ha testimoniato il ricercatore dell’Università di Manchester Robert DePalma, Head of Research .

Questo contenuto è bloccato perché non hai accettato i tracker.

Cliccando su ” Accetto “i plotter verranno depositati e potrai visualizzarne i contenuti .

Cliccando su “Accetto tutti i tracker”autorizzi depositi di traccianti per la memorizzazione dei tuoi dati sui nostri siti e applicazioni ai fini della personalizzazione e del targeting pubblicitario.

Hai la possibilità di revocare il tuo consenso in qualsiasi momento.
Gestisci le mie scelte


Morte all’impatto

La zampa del dinosauro passò nelle mani esperte del professor Paul Barrett del Natural History Museum di Londra. “Thescelosaurus proviene da un gruppo di cui non avevamo quasi nessuna informazione sull’aspetto della pelle. Questo dimostra in modo definitivo che questi animali erano molto squamosi come lucertole “, ha detto alla BBC.

Esaminando il fossile, lo scienziato è stato anche in grado di confermare che la creatura è morta sul colpo. “Non c’è evidenza di malattia sulla zampa, non c’è patologia evidente e nessun segno di morso. Non ci sono nemmeno pezzi che sono scomparsi”, continua.

Un documentario dedicato sulla BBC

La BBC ha avuto la fortuna di completare un rapporto triennale sul sito di Tanis, soprannominato “il cimitero dei dinosauri”, che andrà in onda il 15 aprile. Un documentario che svelerà al grande pubblico alcune nuove scoperte. La BBC cita in particolare una tartaruga fossile infilzata da un paletto di legno, i resti di piccoli mammiferi e le loro tane, la pelle di un triceratopo, l’embrione di uno pterosauro volante all’interno del suo uovo, e quella che sembrerebbe una conseguenza di questo famoso asteroide risalente a 66 milioni di anni fa.

Questo contenuto è bloccato perché non hai accettato i tracker.

Cliccando su ” Accetto “i plotter verranno depositati e potrai visualizzarne i contenuti .

Cliccando su “Accetto tutti i tracker”autorizzi depositi di traccianti per la memorizzazione dei tuoi dati sui nostri siti e applicazioni ai fini della personalizzazione e del targeting pubblicitario.

Hai la possibilità di revocare il tuo consenso in qualsiasi momento.
Gestisci le mie scelte


“Abbiamo così tanti dettagli grazie a questo sito. Ci racconta cosa è successo in ogni momento, è quasi come guardare un film”, afferma con entusiasmo Robert DePalma. Lo scienziato e il suo team sottoporranno presto le loro ricerche a una revisione tra pari prima di essere pubblicate su riviste scientifiche. Ciò che potrebbe rimuovere gli ultimi dubbi su ciò che ha causato l’estinzione del Cretaceo, diverse decine di milioni di anni fa.

Leave a Comment