Ritorno dei brunch pasquali

Le famiglie erano presenti la domenica mattina per riconnettersi con il tradizionale brunch pasquale, per la gioia dei ristoratori, felici di trovare sale piene per tutto il fine settimana.

Inserito alle 17:49

Mayssa Ferah

Mayssa Ferah
La stampa

Non puoi ignorare i sorrisi contagiosi al ristorante Shay’s a Griffintown. È giunta l’ora del brunch. Alcuni clienti abituali si danno da fare, mentre una dozzina di camerieri si fanno strada tra i tavoli immacolati. I clienti chiacchierano tra un boccone di frittelle di baklava.

Ci aspettiamo di servire più di cento ospiti. “È bello, dopo un anno in cui abbiamo dovuto giocare a yo-yo. Abbiamo 176 prenotazioni oggi! “, afferma Charf El Mehdi, direttore generale del ristorante libanese.

Dalla riapertura a fine gennaio, è stato occupato. Ma questo fine settimana è il ritorno dei turisti e dei visitatori dell’Ontario dalle regioni.

“Siamo davvero fortunati”, esulta il ristoratore.


FOTO DOMINIQUE GRAVEL, LA STAMPA

Charf El Mehdi, Direttore Generale del Ristorante Shay

Puoi anche sentire il buon umore davanti al ristorante Dandy, nella Vecchia Montreal.

Jocelyne Saint-Pierre e Marc Pépin si sono messi in fila davanti allo stabilimento dalle 9 del mattino. Provenienti da Abitibi, hanno approfittato della loro permanenza nella metropoli per visitare il loro ristorante preferito, per un brunch per due.

“È perfetto che i ristoranti siano aperti. Certo, stiamo ancora attenti. Nella nostra regione i casi sono tanti”, spiega Pépin.

Sarà un lungo weekend senza una riunione di famiglia per la coppia.

“Non organizzerei una grande festa di famiglia. Non è il momento. Siamo andati a trovare i nostri figli, ma questo è tutto», dice Mme San Pietro.

Anche nel centro di Montreal, in Sainte-Catherine Street, le famiglie stanno iniziando a sedersi e a curiosare tra i negozi.

Matthew Frankel, manager del ristorante Universel lunches & grills, non è stato sorpreso di vedere i clienti così presto al mattino. Il venerdì e il sabato la sala da pranzo era gremita. Rileva la presenza di turisti, incoraggiata dal ritorno del bel tempo e dalla revoca della maggior parte delle restrizioni in Quebec. Si aspetta di servire 500 tavoli questa domenica.

“Siamo solo felici di vedere le persone. Li stiamo aspettando! Anche se è follia, siamo pronti per questo. »

Questione di lavoro

Nonostante questo “ritorno alla normalità”, il manager del ristorante Shay si sta ancora destreggiando tra le ripercussioni della pandemia nel suo ambiente. Molti addetti alla ristorazione sono andati avanti, facendo pressione su chi non ha abbandonato la nave.

Il signor El Mehdi ha deciso di chiudere il ristorante lunedì, nonostante il lungo weekend. La giornata sarebbe stata redditizia, ma preferisce concedere una pausa ai suoi dipendenti.


FOTO DOMINIQUE GRAVEL, LA STAMPA

Domenica mattina presto, una fila di persone stava già aspettando di entrare nel ristorante Dandy.

“Con più personale avrei potuto anche aprire la terrazza riscaldata. Dopo due anni molto difficili, dobbiamo ancora adattarci.

“COVID-19 esiste ancora! esclama Matthew Frankel quando viene esposto alla questione del lavoro. Oggi ha abbastanza personale per gestire l’afflusso di clienti. Ma aleggia la preoccupazione che un dipendente contragga il virus. “Siamo sempre alla mercé di un focolaio. Quando devi isolarne uno, due o tre, è difficile operare a pieno regime. »

Leave a Comment