Più di 800 ristoranti hanno chiuso definitivamente nell’ultimo anno in Quebec

Quasi un ristorante su cinque è stato cancellato dal menu in Quebec dopo la pandemia, ovvero più di 3.800 su 22.730. Solo nell’ultimo anno, più di 839 ristoratori hanno appeso i grembiuli, bloccati dalle chiusure, dalla mancanza di dipendenti e prezzi del cibo alle stelle. Il giornale andato loro incontro.

“Ho un ristoratore disperato che mi ha appena chiamato dicendo che aveva $ 200.000 in banca prima della pandemia e che ha un debito di $ 500.000 perché non aveva diritto all’assistenza federale”, afferma Olivier Bourbeau, vicepresidente, affari federali e Quebec, di Restaurants Canada.

Questa storia è tutt’altro che un caso isolato. Gli ultimi giorni, Il giornale ha parlato con molti ristoratori sotto shock. Guarda i ritratti qui sotto.

Cascata di chiusure

Dopo due anni di pandemia, 2.428 ristoranti a servizio completo, 669 a servizio limitato, 540 ristorazione speciale e 29 bar hanno chiuso per un totale di 3.666, secondo l’Association Restauration Québec (ARQ).

Una cifra che potrebbe raggiungere i 3.800, secondo Restaurants Canada, che rileva che in tutto il paese 13.000 indirizzi sono scomparsi in un batter d’occhio.


Misure sanitarie, carenza di manodopera, prezzi dei generi alimentari… i ristoratori hanno dovuto affrontare molti venti contrari.

“L’affanno dei proprietari potrebbe derivare dal fatto che il prezzo del cibo è aumentato del 6,3%, questo non è un dettaglio, rispetto al 5,2% di tutte le merci, da febbraio 2020 a febbraio 2022», analizza Jöelle Noreau, economista senior di Gruppo Desjardins.

“Molti lavorano con cucine a gas. Tuttavia, abbiamo assistito a un aumento dei prezzi dell’energia”, aggiunge.

Per Jean Lagueux, professore di studi urbani e turistici all’UQAM, i ristoratori devono controllare i propri costi di mercato.

“Formiamo un cuoco a cucinare. Non formiamo un cuoco per gestire “, spiega il membro della Quebec Association for Training in Catering, Tourism and Hospitality.

“Forse gli studi su quattro o cinque ci diranno che coloro che hanno chiuso avevano modelli di business che non erano adattati alla loro realtà”, dice.

All’ARQ il suo vicepresidente, Martin Vézina, ribatte invece che “non è il mercato a dettare le condizioni operative, è il governo che ha imposto restrizioni sanitarie”.

Leave a Comment