Pfizer: scosse elettriche, ustioni… cos’è la sindrome di Parsonage-Turner, effetto collaterale del vaccino?

L’Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari (ANSM) ha redatto nel marzo 2022 un rapporto sul monitoraggio degli eventi avversi a seguito della vaccinazione contro il Covid-19 con Pfizer-BioNTech.

Scosse elettriche, costrizioni… sintomi spiacevoli individuati in alcuni pazienti che hanno ricevuto il vaccino Pfizer, altrimenti noto come “Comirnaty”. Gli esperti dell’ANSM hanno effettuato una nuova analisi nel marzo 2022 dei casi dichiarati dall’inizio della vaccinazione a seguito della valutazione effettuata nel rapporto 18 pubblicato il 24 settembre 2021. In totale, Sono stati segnalati 43 casi di sindrome di Parsonage-Turner, di cui 27 nel periodo.

Leggi anche:
Vaccini anti-Covid: quali sono gli effetti avversi e come segnalarli?

Cos’è la sindrome di Parsonage-Turner?

Chiamata anche nevralgia amiotrofica, questa sindrome corrisponde a infiammazione del plesso brachiale, cioè un gruppo di nervi, che si trova tra la spalla e la clavicola. Questa condizione colpisce principalmente gli uomini intorno ai 40 anni.

Tre fasi si susseguono: prima una fase infiammatoria che provoca forti dolori alla spalla, poi una diminuzione della forza muscolare e infine una perdita di massa muscolare.

Cosa hanno mostrato i casi

Tutti i casi segnalati sono stati esaminati e analizzati con un neurologo esperto. 18 è rimasto in panchina, per mancanza di elementi. Dei restanti 25 casi, 7 si sono verificati dopo la prima dose, 14 dopo la seconda dose e 4 dopo il richiamo. Di questi 25 casi, 9 casi sono guariti o in via di guarigione, 14 non sono stati recuperati, uno è guarito con sequele e le informazioni non sono note in un caso, specifica l’Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari nel suo aggiornamento di marzo 19, 2022.

L’Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari ha contato 8 casi di una forma particolare, sia nella loro espressione clinica (una forma focale, una forma atipica, una forma incipiente), sia nel loro contesto di insorgenza (una ricaduta in un persona con una storia di Parsonage-Turner, dalla quale si era completamente ripresa); un caso riporta una sindrome Parsonage-Turner controlaterale del braccio vaccinato, un caso riguarda una sindrome Parsonage-Turner verificatasi in un contesto post-partum (periodo considerato a rischio di tale patologia), 2 casi menzionano l’esistenza di un trauma. Questa nuova analisi conferma che ilIl ruolo del vaccino non può essere escluso.

Informazioni supplementari su MyVaccines

Nel complesso, il numero di eventi avversi dopo la vaccinazione è molto basso rispetto al numero molto elevato di persone vaccinate. La pubblicazione periodica dei dati di monitoraggio degli eventi avversi post-vaccinazione è garanzia di trasparenza. Tuttavia, un evento avverso post-vaccinazione non è sinonimo di un evento avverso attribuibile al vaccino, sebbene i due termini siano spesso usati in modo intercambiabile.

Ricordiamo che se, in una determinata data, un milione di persone ricevesse un placebo (preparato inattivo che sostituisce un farmaco) al posto del vaccino, potremmo osservare nelle sei settimane successive da 1 a 7 decessi, da 2 a 5 casi di sindrome di Guillain-Barré e da 30 a 90 casi di neurite ottica; per 10.000 donne in gravidanza la cifra prevista di aborti spontanei è di 170. Queste cifre medie sono probabilmente molto variabili a seconda del tempo e del luogo, temporeggia il sito MyVaccines.net.

Quali sono i sintomi che dovrebbero avvisarti?

La sindrome di Parsonage-Turner provoca un’infiammazione improvvisa, che appare soprattutto di notte e che porterà a dolore molto forte alla spalla e al collo, tenerezza della pelle, ma anche costrizioni e sensazione di bruciore, scossa elettrica.

Per quanto riguarda il trattamento, esso si basa essenzialmente sulla somministrazione di cortisone da parte del medico. Tra le medicine alternative, l’agopuntura e l’auricoloterapia si stanno rivelando efficaci nel ridurre il dolore poiché agiscono sul controllo del dolore di questi nervi, indica il dottor Gilles Mondolini, medico sportivo, osteopata e agopuntore, presso il Diario delle donne.

Già a gennaio l’ANSM aveva individuato diversi effetti collaterali legati al vaccino Pfizer:

  • dolore, reazione cutanea (arrossamento), gonfiore al sito di iniezione
  • mal di testa
  • stanchezza, febbre, brividi
  • dolori muscolari o articolari
  • disturbi digestivi
  • comparsa dei linfonodi
  • reazione allergica (orticaria, gonfiore facciale, ecc.)

Si noti che gli operatori sanitari o le persone vaccinate possono segnalare sul sito signalement.social-sante.gouv.fr/ qualsiasi effetto avverso immediato o ritardato dopo la vaccinazione.

Il modulo di segnalazione verrà adattato per raccogliere ulteriori dati relativi al vaccino quando si segnalano reazioni avverse.

Leave a Comment