perché le donazioni di cibo per cani vengono rifiutate?

La Colmar SPA da anni raccoglie con piacere donazioni. Ma il cibo per cani offerto da generosi donatori è tutt’altro che un toccasana: “La molteplicità dei marchi, dei distributori, delle loro composizioni, porta a molti problemi digestivi, in particolare perché la flora intestinale deve adattarsi e rigenerarsi costantemente”, spiega Fabrice Geiger, il veterinario del rifugio.

Questo contenuto è bloccato perché non hai accettato i tracker.

Cliccando su ” Accetto “i traccianti verranno depositati e potrai visualizzarne i contenuti .

Cliccando su “Accetto tutti i tracker”autorizzi depositi di traccianti per la memorizzazione dei tuoi dati sui nostri siti e applicazioni ai fini della personalizzazione e del targeting pubblicitario.

Hai la possibilità di revocare il tuo consenso in qualsiasi momento.
Gestisci le mie scelte


“Vogliamo impedire ai donatori di spendere soldi per niente”

Di conseguenza, i costi veterinari legati ai problemi di digestione sono alle stelle e la SPA preferisce porre il veto. “Solo qui siamo anche contro gli sprechi”, dice la sua presidente Marielle Rossi. “E non possiamo dare queste crocchette ad altre associazioni per le stesse ragioni. Vogliamo gestire al meglio le risorse del rifugio ed evitare che i donatori spendano soldi per niente”.

La SPA alimenterà quindi i suoi cani con “un unico tipo di crocchette, che non è stato ancora deciso. È inutile comprare qualcosa che non ci serve, come le crocchette di primo prezzo, che non diamo in alcun modo ai cani. Al momento abbiamo otto diversi tipi di crocchette”.

Marielle Rossi consiglia quindi ai donatori di “sponsorizzare un cane o effettuare un trasferimento una tantum o permanente tramite il sito web di Hello Asso”. L’utilizzo di un unico marchio costringerà infatti la SPA a rifiutare le donazioni di crocchette. “Di conseguenza, dovremo finanziarli noi stessi”. Il marchio prescelto sarà comunque portato all’attenzione del pubblico tramite i social network e il sito web.

Il presidente ricorda che il rifugio deve far fronte anche all’aumento del costo dell’energia e che restano sostenute le spese veterinarie “perché non si pratica alcuna eutanasia sugli animali sani”.

La SPA continua anche ad accettare donazioni di dolci, “nodini di corda” o purè, quest’ultimo utilizzato esclusivamente per la somministrazione di farmaci. “Ma i nostri cani non mangiano purè come pasto.”

SPA, 47 chemin de la Fecht a Colmar 03 89 41 16 53. Per fare una donazione: www.helloasso.com/associations/spa-de-colmar – Sito web: www.spa-colmar.fr

Leave a Comment