Perché alcune funzionalità di Google arriveranno su iOS prima di Android

suddividere

Secondo i colleghi di PhoneArena, il motivo per cui alcune funzionalità di Google stanno arrivando su iOS prima di Android è puramente economico.

Di recente ti abbiamo detto che l’app Google su Android ha ricevuto una nuova funzionalità che ti consente di eliminare gli ultimi 15 minuti della cronologia di navigazione. Ma, senza dubbio, la cosa più curiosa di questa notizia è che questa funzione era già disponibile su iOS dal luglio dello scorso anno ed è per questo che viene da chiedersi perché il colosso americano abbia impiegato otto mesi per aggiungere questa funzionalità alla sua app Android.

Ma non è la prima volta che alcune funzioni di Google arrivano prima di iOS rispetto ad Android ed è per questo che ti diremo perché potrebbe accadere.

Ti spieghiamo perché alcune funzionalità di Google arrivano prima di iOS rispetto ad Android

Google si inchina ad Apple per continuare a pagare per utilizzare il suo motore di ricerca

Secondo i colleghi di PhoneArena, il motivo per cui alcune funzioni di Google arrivano prima di iOS rispetto ad Android è puramente economico, perché, come già saprete, Google paga ad Apple una cifra di un milione di dollari ogni anno affinché la Ricerca Google sia il motore di ricerca predefinito di iPhone.

Le app Google per iOS vengono aggiornate con notizie interessanti

In questo senso, gli analisti di Bernstein Securities assicurano che Google avrebbe pagato 15.000 milioni di dollari nel 2021 per assicurarsi che il motore di ricerca predefinito dell’iPhone fosse Google Search e, quindi, possiamo supporre che i ricavi pubblicitari che l’impresa di Mountain View ha inserito per ultimi anno attraverso questo accordo supererebbe $ 15.000 milioni.

Questo è il motivo per cui i dipendenti degli Apple Store negli Stati Uniti utilizzano telefoni Android

Per tutto quello che è stato detto finora, tutto sembra indicare che il motivo per cui alcune funzioni di Google arrivano prima su iOS che su Android è che il colosso americano vuole accontentare Apple e quindi non perdere tutte le entrate pubblicitarie che genera la tua ricerca su iPhone, perché se l’azienda di Cupertino non è soddisfatta, potrebbe scegliere di creare un proprio motore di ricerca (di cui si è vociferato in passato) o addirittura stringere un accordo con Microsoft per rendere Bing il motore di ricerca predefinito per iPhone.

Argomenti correlati: Google

suddividere

Leave a Comment