Nuove attrezzature per il Banco Alimentare Saône et Loire

Un terzo camion è stato appena consegnato al Banco Alimentare di Saône et Loire. Il grossista di aiuti alimentari potrà così moltiplicare le sue raccolte e consegne.

Alla presenza di Annie Lombard e Annie Sassignol, vicepresidenti di Grand Chalon, Laurent Brondel, presidente della Banque Alimentaire de Bourgogne, ha voluto salutare i partner che hanno reso possibile l’acquisizione di questo nuovo veicolo. Con i suoi 10 dipendenti e 250 volontari, nel 2020 sono state raccolte circa 3.800 tonnellate di generi alimentari, di cui il 65% provenienti da negozi e produttori agroalimentari.

“Siamo grossisti, raccogliamo, immagazziniamo, distribuiamo”

Laurent Brondel ha ricordato la missione quotidiana del Banco Alimentare, sottolineando che non distribuisce ai privati, ma che la sua rete è quella di lavorare esclusivamente a favore di CCAS, associazioni e negozi di alimentari sociali. La crisi sanitaria non ha danneggiato il morale dei donatori, “con una raccolta molto ampia nel 2020, c’è stato un forte movimento di solidarietà anche se in Saône et Loire le raccolte sono state minori visto l’impatto del COVID su gran parte dei nostri volontari” specifica Yvan Ulman, responsabile della comunicazione.

Questo terzo camion, refrigerato, avrà beneficiato della partecipazione di Grand Chalon in particolare, il negozio di alimentari sociale intercomunale essendo uno dei principali partner del Banco Alimentare. Va notato che sulla scala di Grand Chalon, ogni anno vengono distribuite 49 tonnellate di generi alimentari e circa 57.000 chilometri percorsi ogni anno per svolgere la missione.

Lanciato un appello alla federazione delle associazioni

Laurent Brondel ha colto l’occasione data lanciando un nuovo appello alla federazione delle associazioni operanti nel settore della solidarietà alimentare. “Siamo grossisti di aiuti alimentari. Questa federazione lavora a Nièvre, perché non dovrebbe funzionare qui?”, lancia l’ex medico. “Chiediamo la creazione di una reale coesione e miglioramento del servizio erogato. Dobbiamo mettere in atto una riflessione comune”.

L’idea di lavorare i prodotti a base di carne

Laurent Brondel si spinge ancora oltre nell’analisi dei servizi da mettere in atto, tra cui in particolare l’allestimento di un laboratorio per la lavorazione dei prodotti a base di carne. Sul tavolo le partnership con scuole o istituti di formazione professionale.

Laurent Guillaume

Leave a Comment