Morte Jehanne Collard, avvocato delle vittime dell’insicurezza stradale

Limitare la velocità a 80 km/h, lottare contro la distruzione degli autovelox o la guida in stato di ebbrezza… L’avvocato Jehanne Collard, la cui morte è stata resa pubblica martedì 20 aprile, all’età di 70 anni, è diventata una voce che conta tutti i dibattiti sulla sicurezza stradale. In tribunale e nei media ha difeso con impegno e passione la causa degli incidenti stradali.

→ RILEGGI. Jehanne Collard: “Perché il mondo rurale dovrebbe continuare a morire per strada? »

Questa donna di legge era davvero famosa per non usare mezzi termini. “Ha implorato con passione, è stata una lotta che ha condotto con grande convinzione e grande generosità, testimonia Chantal Perrichon, presidente della Lega contro la violenza stradale. eNon ha esitato a scuotere le cose con le sue parole, non era politicamente corretta. Non avevamo la stessa strategia, ma condividevamo lo stesso obiettivo. »

“Questa lotta per la vita era diventata la lotta della sua vita”

Nata nel 1950 a Marsiglia e sorella di un altro avvocato, Me Gilbert Collard, ora eurodeputato di RN, Jehanne Collard aveva intrapreso questa battaglia dopo aver subito un grave incidente nel 1993.Ha quindi riorientato la sua carriera per specializzarsi nei diritti delle vittime. “Questa lotta per la vita era diventata la lotta della sua vita”riassume Julien Thibault, presidente dell’associazione Vittime e Cittadini, di cui il defunto era presidente onorario.

Di recente, l’avvocato aveva così difeso su un passaggio a livello le famiglie degli studenti universitari morti nell’incidente stradale di Millas (Pirenei Orientali), nel 2017, a un passaggio a livello. “Si è sempre batteta per il riconoscimento dei diritti delle vittimecontinua il dirigente dell’associazione, che la conosce da 17 anni. Al di là del suo status di avvocato, aveva grandissime qualità umane, divenne confidente della gente. »

Una personalità emblematica, che non ha risparmiato sforzi

Autrice di diversi libri, Jehanne Collard è stata anche abituata a microfoni, televisori e colonne di giornali, tra cui La Crocedove aveva pubblicato diversi forum. “È una grande perdita per la nostra causa.commenta Anne Lavaud, Delegato generale per la sicurezza stradale. È molto importante avere personalità molto emblematiche come lei, che non hanno risparmiato sforzi. »

→ LEGGI.A Puisseguin, la paura di 43 morti per niente

Anche Jehanne Collard era stata segnata da un dramma intimo. La sua terza e ultima figlia, Eva Paul, è nata disabile, a seguito di un errore medico. È un’altra delle sue figlie, Me Romy Lafond-Collard, che oggi dirige lo studio legale Jehanne Collard et Associés. “Daremo vita, insieme ai nostri clienti, alla sua memoria, ai suoi valori e alle sue lotte come tutti facciamo da anni”ha detto quando ha annunciato la morte di sua madre, avvenuta domenica 18 aprile.

Leave a Comment