Montreal: l’opposizione ufficiale vuole che il Comune consenta ai cani di entrare in metropolitana

L’opposizione ufficiale a Montreal vuole che la città adotti uno statuto per consentire ai cani al guinzaglio di tutta la rete della Société de transport de Montréal (STM).

Il partito presenterà una mozione in tal senso al prossimo consiglio comunale.

“Una famiglia su quattro a Montreal ha un cane o un gatto. Sarebbe controproducente se, quando dobbiamo andare al parco con il nostro cane o dal veterinario, dovessimo prendere un’auto e spendere gas serra”, ha spiegato Aref Salem, leader dell’Ensemble Montreal.

Dice che negli ultimi due anni, con la pandemia, ci sono state quasi 200.000 adozioni di animali domestici.

Altre città, tra cui Toronto e Calgary, lo consentono già.

Attualmente, a Montreal, un animale deve essere in gabbia per essere ammesso alla rete STM. Tuttavia, secondo l’opposizione, alcuni cani sono troppo pesanti per essere spostati in questo modo.

La parte concederebbe sei mesi alla STM per consentirle di pensare in modo “intelligente” alle modalità di attuazione del provvedimento.

Nel 2021 anche la Società per la prevenzione della crudeltà verso gli animali (SPCA) ha lanciato una petizione in tal senso.

Da parte dell’amministrazione Plante, viene indicato che un progetto pilota è già allo studio e dovrebbe progredire nelle autorità della STM nelle prossime settimane.

“Sappiamo che questo è desiderato da molte persone, ma che anche altri sono preoccupati. Per noi, ciò che è importante è sensibilizzare la popolazione sui termini del progetto pilota, ed è ciò che si farà”, ha affermato l’ufficio del sindaco di Montreal, Valérie Plante.

Leave a Comment