Microsoft Edge in corsa per diventare il prossimo Google Chrome / Digital Information World

I moderni browser web sono diventati innegabilmente una delle più grandi invenzioni del mondo di oggi. Dai privati ​​alle aziende, sono presenti ovunque. Non sorprende che sia disponibile una vasta gamma di browser web. Google e Edge Web Browser sono solo per citarne alcuni. Le loro caratteristiche particolari conferiscono individualità a ciascuno di loro. Possono diventare il motivo per cui scegliamo di limitarci al browser di nostro gradimento. Una cosa che tutti i browser hanno in comune sono le estensioni e le nuove funzionalità di Microsoft potrebbero far bussare a tutti alla porta del proprio browser!

Per dirla in parole semplici, un’estensione è un semplice piccolo software che ti consente di personalizzare il tuo browser a tuo piacimento. Finora, non tutti i browser consentono agli utenti di personalizzare l’estensione secondo le proprie esigenze. L’unica eccezione è quando i browser vengono utilizzati in modalità di navigazione in incognito. Questa aggiunta di funzionalità è presente solo per proteggere la privacy degli utenti. Le estensioni richiedono dati dal sito Web, inclusa l’autorizzazione ad ampio spettro. Ciò protegge in particolare l’utente quando viene utilizzata un’estensione sospetta. La piattaforma del browser non lo approva in modo che le loro informazioni personali siano protette. Questa funzione è una seccatura per molti utenti poiché desiderano regolare le estensioni in base alle proprie esigenze.

Microsoft potrebbe semplicemente testare un approccio simile con le schede di utilizzo quotidiano. Microsoft concede all’utente un’opzione per abilitare o disabilitare la funzionalità. Non solo, questa funzionalità rispettosa della privacy è opzionale e temporanea. Una volta implementata la funzione, sarai libero di consentire all’estensione di accedere a determinati siti Web. Perché questa caratteristica è importante? In precedenza, le estensioni potevano accedere a tutti i siti Web indipendentemente dalla scelta dell’utente. Il nuovo aggiornamento offre agli utenti un maggiore controllo sulla propria navigazione, come riportato da Leoparda64-2.

z

Perché questa particolare funzionalità darà al browser Microsoft un vantaggio rispetto ad altri concorrenti? La risposta è abbastanza semplice. Offrendo agli utenti la possibilità di eseguire le proprie estensioni per siti Web specifici, l’utente non deve più preoccuparsi se una particolare estensione fa deragliare una pagina Web. Prima di allora, l’estensione doveva essere rimossa e completamente rimossa. È noioso per gli utenti in quanto non hanno altra scelta che continuare a installare e rimuovere detta estensione. Non solo, ma puoi anche impostare parametri in modo che l’estensione non legga i dati dal sito web!

Il lavoro è abbastanza semplice. Carichi la pagina web e metti in pausa l’estensione andando alle impostazioni e voilà! La pagina Web si ricaricherà e ora l’estensione non ha più accesso ad essa. Potrebbe apparire un banner che ti informa che le estensioni sono state messe in pausa per la pagina in questione. Per ora, la funzionalità non è ampiamente disponibile e si dice che sia in fase di test.

Microsoft ha appena benedetto i suoi utenti regolari con un aggiornamento silenzioso alle sue schede del sonno. Sono stati introdotti oltre 100 miglioramenti per rendere la funzionalità più conveniente per gli utenti. La funzione di sospensione è utile quando si tratta di ridurre il carico sull’hardware. Una volta attivato, mette in pausa le schede inutilizzate e migliora notevolmente le prestazioni hardware. Inoltre, hanno anche introdotto una funzione per monitorare le risorse hardware che vengono utilizzate in tempo reale!

Il browser Microsoft ha fatto molta strada dal suo lancio. È in concorrenza diretta con altre piattaforme sul mercato. Le nuove funzionalità lo rendono solo più accessibile e probabilmente sarà la scelta ideale per l’uso quotidiano.

Continua a leggere: Microsoft aggiorna le schede di sospensione su Edge per ridurre ulteriormente il consumo di risorse

Leave a Comment