L’OMS chiede un’azione “urgente” in Europa vista l’impennata dei casi

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha chiamato venerdì 1ehm luglio, a “azione urgente” contro il vaiolo delle scimmie in Europa, a causa del triplicare dei casi nelle ultime due settimane nel continente.

In una dichiarazione, il direttore regionale dell’organizzazione sanitaria, Hans Kluge, ha invitato i paesi europei a farlo “aumentare i loro sforzi nelle prossime settimane e mesi per evitare che il vaiolo delle scimmie prenda piede in un’area geografica più ampia”.

Per il signor Kluge, “Un’azione urgente e coordinata è fondamentale se vogliamo cambiare rotta nella corsa contro la diffusione della malattia”. Secondo i dati dell’agenzia specializzata delle Nazioni Unite (ONU), l’Europa conta oggi più di 4.500 casi confermati in laboratorio, il triplo rispetto a metà giugno.

Leggi anche: Come si trasmette il vaiolo delle scimmie, quali sono i sintomi?

Il 90% dei casi nel mondo si registra in Europa

Ciò corrisponde al 90% dei casi registrati nel mondo da metà maggio, quando questa malattia fino ad allora endemica solo in dieci paesi africani iniziò a diffondersi in Europa.

Conosciuto negli esseri umani dal 1970, il vaiolo delle scimmie è considerato molto meno pericoloso e contagioso del suo cugino, il vaiolo, eradicato nel 1980. Da maggio è stata rilevata un’insolita ondata di casi al di fuori dei paesi africani, nelle regioni centrali e occidentali dove il virus circola solitamente.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti I casi si moltiplicano in Francia con l’avvicinarsi degli eventi estivi

Sabato, gli esperti dell’Oms avevano considerato lo scoppio dei casi come una minaccia per la salute la cui evoluzione era molto preoccupante, ma senza per il momento raggiungere la fase di emergenza sanitaria globale. Nonostante questa decisione, “La rapida evoluzione e l’urgenza di questo evento fanno sì che il comitato [d’experts] riconsidererà la sua posizione a breve”ha affermato l’OMS Europa.

“Non c’è spazio per la passività”

Epicentro di questo nuovo contagio, l’Europa ha ora trentuno paesi o territori che hanno segnalato casi di vaiolo delle scimmie. Il Regno Unito ha, ad oggi, il maggior numero di casi registrati (1.076 secondo le autorità britanniche), davanti a Germania (838), Spagna (736), Portogallo (365) e Francia (350). il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC).

Il capo dell’ufficiale medico per la salute pubblica di Londra, Kevin Fenton, giovedì ha esortato chiunque abbia sintomi di vaiolo delle scimmie a non prendere parte alla parata del Pride in programma nella capitale britannica questo fine settimana. In questa malattia trasmessa da contatti molto stretti, il 99% dei casi riguarda attualmente giovani uomini (tra i 20 ei 40 anni), principalmente omosessuali, secondo l’OMS.

Leggi l’intervista: Articolo riservato ai nostri iscritti “Se consentiamo la diffusione di messaggi che stigmatizzano gli omosessuali, avranno conseguenze sulla salute pubblica”

L’agenzia delle Nazioni Unite ha raccomandato ai paesi di intensificare la sorveglianza della malattia, compreso il suo sequenziamento, e ottenere la capacità di diagnosticare e rispondere ad essa. L’OMS ha anche incoraggiato i paesi a comunicare con i gruppi colpiti e il pubblico in generale. “Semplicemente non c’è spazio per la passività”ha insistito il signor Kluge.

Nuova consegna di vaccini negli Stati Uniti

Venerdì, il laboratorio danese Bavarian Nordic, l’unico laboratorio a produrre un vaccino già approvato specificamente contro il vaiolo delle scimmie, ha annunciato una nuova consegna di 2,5 milioni di dosi negli Stati Uniti.

Questo si aggiunge a un primo ordine per 500.000 dosi dalle autorità americane fatto poche settimane fa. Questo vaccino è commercializzato con il nome di Jynneos negli Stati Uniti, mentre in Europa si chiama Imvanex. L’Agenzia europea per i medicinali ha annunciato martedì di aver iniziato a esaminare un vaccino contro il vaiolo umano per estenderne l’uso contro il vaiolo delle scimmie.

La malattia si manifesta prima come febbre alta e progredisce rapidamente in un’eruzione cutanea, con formazione di croste. Molto spesso benigno, generalmente guarisce spontaneamente dopo due o tre settimane.

Il mondo con AFP

Leave a Comment