Listeria: richiamo di 24.000 formaggi delle Fromageries de Normandie, del gruppo Lactalis

Le Fromageries de Normandie, del gruppo Lactalis, hanno annunciato venerdì tramite un comunicato di aver ampliato la propria campagna di ritiro dei formaggi a latte crudo, dopo aver individuato una “probabile fonte di contaminazione” dei batteri responsabili della listeriosi. Lactalis indica in particolare di essere risalito all’origine del problema individuando l’origine della contaminazione, causata “dal latte crudo di uno degli allevamenti partner”.

Di conseguenza, le Fromageries de Normandie, acquisite da Lactalis nel 2016, ricordano “tutti i formaggi a latte crudo prodotti con il latte del produttore interessato”, ovvero 24.000 formaggi, ha detto all’Afp un portavoce di Lactalis. Bries, coulommiers, camembert e small camembert dei marchi Normanville, Bon Normand, Pâquerettes, Graindorge, Traditions de Normandie e Nous anti-gaspi vengono così presi di mira, senza che “al momento non si individui intossicazione”, ha precisato il gruppo.

Un numero verde per i consumatori interessati

I numeri di identificazione dei lotti richiamati sono 010322LI8, 030322LI8, 070322LI8, 090322LI9, 110322LI4, 150322LI3, 170322LI1 e timbro FR 14.371.001 CE, secondo Fromageries de Normandie. Un numero verde ha anche istituito un numero verde per i consumatori interessati (0800 120 120). Lunedì scorso Lactalis aveva già avviato il richiamo dei suoi formaggi Graindorge, ovvero un Brie, due Coulommier e due Normanville, cinque formaggi a latte crudo.

La listeriosi, che è la seconda causa di morte per intossicazione alimentare con, in Francia, poche decine di morti all’anno, è particolarmente letale nella sua forma “invasiva”. Pertanto, circa un quarto dei pazienti muore a causa di esso, ad esempio a causa di complicazioni neurologiche come la meningite. Questa campagna arriva sulla scia di un massiccio richiamo delle pizze surgelate a marchio Buitoni, dopo diversi gravi casi di contaminazione di bambini da parte del batterio Escherichia coli, nonché di prodotti Kinder sospettati di aver causato casi di salmonellosi.

Leave a Comment