L’Hôtel de Carantec si trova a Carro

CRITICA GASTRONOMICA – Il giovane successore di Patrick Jeffroy propone una cucina corroborante e raffinata di fronte alla baia di Morlaix.

Non facile subentrare a una personalità come Patrick Jeffroy, che è stato il grande due stelle di Carantec (Finistère) e resta un instancabile ambasciatore della gastronomia bretone.

Nicolas Carro ha raccolto la sfida: questo giovane chef di 33 anni è responsabile delle cucine di casa Finistère dall’autunno del 2019, e il futuro che gli si apre riflette il panorama offerto dalla baia di Morlaix: radiosa. Stella Michelin (dall’inizio), 15/20 e “Grande di domani” per Gault & Millau, l’ex braccio destro del formidabile Olivier Nasti (due stelle troppo strette per il suo talento a Kaysersberg, in Alsazia) inizia solo a stupire noi.

La sua cucina, nutrita dalla ricchezza del mare e della terra di Leon, molto esigente in termini di eco-responsabilità, è schietta, vivace e superbamente gustosa. Carro sa fare di tutto: accoppiare il raro abalone con un semifreddo di foie gras (bretone) e un’escort giapponese dashi-kombu; sposare l’indivia di Kerlouan con il maiale locale con, come testimoni…

Questo articolo è riservato agli abbonati. Hai ancora il 60% da scoprire.

Coltivare la tua libertà è coltivare la tua curiosità.

Continua a leggere il tuo articolo per 1€ il primo mese

Sei già iscritto? Login

Leave a Comment