L’ex CEO di Google Eric Schmidt spiega perché le persone dovrebbero tornare in ufficio

Après plus de deux ans de travail à distance et plusieurs retards de retour au bureau, la plupart des employés de Google reviennent au bureau au moins à temps partiel – et ancien PDG et président de Google Éric Schmidt Je ne pourrais pas être plus heureux à ce soggetto.

“[I]È importante che queste persone siano in ufficio, secondo me”, ha detto Schmidt, 66 anni, alla CNBC, sostenendo che per decenni lo stile dell’ufficio si è dimostrato efficace. “Sono un tradizionalista. »

A partire da lunedì, è iniziato l’accordo di lavoro ibrido di Google, con la maggior parte dei dipendenti che dovrebbe essere in ufficio almeno tre giorni alla settimana. Schmidt, che è stato CEO di Google dal 2001 al 2011, ha contribuito a trasformare la giovane startup di oggi della Silicon Valley. Il gigante tecnologico globale da 1,9 trilioni di dollari e attribuisce gran parte di questa crescita al lavoro d’ufficio.

“Abbiamo passato decenni a parlare di persone vicine tra loro… chiacchierare al tavolino e andare al bar”, dice Schmidt. “Ti ricordi tutto questo? Era tutto sbagliato? »

Schmidt dice che non si tratta solo di nostalgia: ci sono aspetti pratici per lavorare insieme di persona. Ad esempio, afferma che le conversazioni sulla professionalità, che potrebbero essere particolarmente necessarie in aziende piene di giovani dipendenti, sono molto più difficili da avere virtualmente.

Quando Schmidt ha iniziato a lavorare in Google, ad esempio, l’azienda aveva “un sacco di studenti che si comportavano come se il posto di lavoro fosse come un college”, dice. “E io ero tipo, ‘Questo non è il college. È una cosa professionale, non puoi farlo. E, o, potrebbe essere illegale. Quindi, per favore, smettila ora. »

I dipendenti più giovani, in particolare quelli di età compresa tra i 25 ei 35 anni, possono anche utilizzare gli ambienti d’ufficio per sviluppare i propri stili di gestione in modo più efficace, afferma Schmidt. Per lui, questo include l’apprendimento dell’etichetta delle riunioni, le capacità di presentazione, le politiche sul posto di lavoro e il rapporto con i concorrenti, sia internamente che esternamente.

“In termini di età, è lì che imparano”, dice. “Se manchi [on that] Poiché sei seduto a casa sul divano mentre lavori, non so come costruisci una buona gestione. Onestamente, non lo faccio.

Ci sono delle eccezioni, osserva Schmidt: alcuni lavoratori potrebbero avere ruoli specialistici che non richiedono molta comunicazione di persona, altri potrebbero non apprezzare profondamente la natura sociale dell’ufficio e molti probabilmente non vedono l’ora di rientrare per lunghi spostamenti. nei loro programmi.

Tuttavia, afferma Schmidt, un movimento su larga scala verso il lavoro a distanza permanente priverebbe almeno dai 30 ai 40 anni di esperienza sul posto di lavoro.

“Penso che ci siano molte prove che gli esseri umani siano sociali”, dice. “E che gli strumenti virtuali di oggi non sono gli stessi delle reti informali che si verificano all’interno di un’azienda. »

Non perdere :

L’ex CEO di Google Eric Schmidt parla di lavorare con Steve Jobs, gestire i critici e trovare il suo stile di gestione

Leave a Comment