L’Ecuador diventa il primo paese al mondo a concedere diritti legali agli animali selvatici

– Zaruba Ondrej / Shutterstock.com

Se i diritti umani sono molto importanti, i diritti degli animali sono altrettanto importanti. Certo, questo non è facile per tutti, ma è comunque il caso dell’Ecuador. In particolare, le autorità ecuadoriane hanno deciso di concedere diritti legali individuali agli animali selvatici.

In un momento in cui il mondo è alle prese con il cambiamento climatico e lo sfruttamento illegale degli animali selvatici, l’Ecuador ha fatto la storia diventando il primo paese a riconoscere i diritti legali distinti degli animali selvatici. Il giudizio è stato emesso dalla più alta corte del paese grazie alla tragica storia di Estrellita, una scimmia lanosa morta in circostanze tristi. Raccolto illegalmente in natura poco dopo la nascita, Estrellita è stata allevata come animale domestico dalla bibliotecaria Ana Beatriz Burbano Proaño e dalla sua famiglia.

Nel 2019 la custodia dell’animale è stata sottratta al bibliotecario, poiché le autorità locali hanno affermato che tenere animali selvatici è illegale nel Paese. Così, Estrellita è stata sequestrata e poi trasferita in uno zoo. Sfortunatamente, la sua permanenza allo zoo è stata di breve durata poiché la scimmia è morta un mese dopo il suo trasferimento, l’animale sembra aver preso molto male la separazione, ha riferito Inside Climate News. Si noti che prima della morte dell’animale, la sua famiglia aveva sporto denuncia per recuperare Estrellita.

Anche se la scimmia è morta, il caso è stato processato. E con prove scientifiche a sostegno – in particolare per quanto riguarda la complessità cognitiva e sociale delle scimmie – il tribunale ha ritenuto che le autorità locali, ma anche la signora Burbano, avessero violato i diritti di Estrellita. Le autorità locali sono state giudicate colpevoli di non aver tenuto conto dei bisogni specifici della scimmia e la signora Burbano è stata dichiarata colpevole di averla rimossa dal suo ambiente naturale. Da lì è nata la decisione di concedere diritti individuali agli animali selvatici.

L’addomesticamento e l’umanizzazione degli animali selvatici sono fenomeni che hanno un grande impatto sul mantenimento degli ecosistemi e sull’equilibrio della natura, perché provocano il progressivo declino delle popolazioni animali. “, ha riconosciuto la corte nella sua sentenza.

Leave a Comment