L’avvocato Pascal Garbarini risponde dopo la sua incriminazione

All’avvocato piace ricordarlo: una volta era un pugile. Un modo per far capire ai suoi interlocutori, che non avrebbero interpretato correttamente questa statura ancora massiccia ma ora vestiti con costumi dai colori a volte barocchi, che non ha intenzione di prendere un colpo senza ricambiarlo. La sua incriminazione, il 14 giugno, per “associazione a delinquere” lo rivolta. Criminali con chi? Abbastanza per ? Dove sono le prove? martella, quando ci riceve nel suo ufficio.

I due magistrati inquirenti marsigliesi che stanno conducendo diverse indagini sul clan criminale di Ajaccien noto come il “Petit Bar”, di cui Pascal Garbarini è lo storico avvocato, gli rimproverano la vicinanza al presunto capo della cosca, Jacques Santoni che lui difende Da vent’anni. I magistrati ritengono che Me Garbarini superò le sue missioni consultive, diventando una sorta di braccio destro di Jacques Santoni, incaricato di coordinare la difesa di questo clan che regnava su tutto il sud dell’isola.

ASTUCCIO. La saga del Petit Bar, la gang che regna nel sud della Corsica

I suoi tre avvocati, il sig.e Marie-Laure Barré, Patrick Maisonneuve e Francis Teitgen, hanno impugnato il riesame giudiziario e presenteranno una mozione per annullare l’atto d’accusa.

Quali sono le ragioni della sua incriminazione per “associazione a delinquere”?

Ciò che colpisce particolarmente di questo fascicolo è che vengo interrogato su elementi che sono in procedura da gennaio 2021: vale a dire sui sistemi audio

Questo articolo è riservato agli abbonati.
Per saperne di più, approfitta delle nostre offerte a partire da 1€

Provo senza impegno

Scegliendo questo percorso di abbonamento promozionale, accetti il ​​deposito di un cookie di analisi da parte di Google.

  • pagamento sicuro
  • Senza impegno
  • Accesso al servizio clienti

Leave a Comment