“La vita di un bambino vale la vita di un cane”, fa scandalo la frase di un editorialista

Loic Durand

Come spesso, gli editorialisti di Touche Pas à Mon Poste sono stati dilaniati da un dibattito spinoso. Maggio questo 7 aprile, Guillaume Genton è andato troppo oltre secondo alcuni utenti di Internet.

Dopo un lungo dibattito sul denaro nel mondo televisivo, Cyril Hanouna ei suoi editorialisti sono tornati su un caso che ha fatto parlare di sé: questo mercoledì, a Champigny-sur-Marne, un cane del personale americano è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dalla polizia mentre mordeva una ragazza. Pochi minuti prima, l’animale aveva morso un’altra adolescente alla coscia. Nelle immagini che hanno fatto il giro dei social network, possiamo vedere la polizia sparare al cane, che non sopravviverà ai sei proiettili ricevuti.

Guillaume Genton non è d’accordo e lo fa sapere

“Immagine scioccante del cane colpito dalla polizia: hanno reagito bene?”. Questo era il dibattito TPMP alla fine dello spettacolo questo giovedì 7 aprile. La maggior parte degli editorialisti ha risposto affermativamente alla domanda, ad eccezione di tre: Delphine Wespiser, Guillaume Genton e Gilles Verdez. Se il primo era molto commosso, rompendosi in piena emissione evocando questo soggetto, il secondo era più freddo e arrabbiato.

Secondo lui, la polizia non avrebbe dovuto uccidere il cane che ha aggredito la giovane. Ha spiegato a lungo: “Parliamo spesso di specisti, del fatto di dare la priorità alle specie. Ecco, cosa vediamo in queste immagini? Che la vita di un cane non vale niente! […] Mi si spezza il cuore vedere queste immagini. Immediatamente, gli altri editorialisti hanno mostrato la loro disapprovazione. “Pensi che la vita di un bambino valga la vita di un cane?”poi chiese un infastidito Matthieu Delormeau a Guillaume Genton.

Molte le reazioni sui social

Dopo qualche procrastinazione, quest’ultimo ha lanciato: “Sì, la vita di un bambino vale la vita di un cane”. Potete vedere l’estratto in questione, che ha fatto urlare Cyril Hanouna e gli altri editorialisti, nel video qui sotto.

“È grave quello che dici”dirà Matthieu Delormeau. “È stupido quello che dici”afferma Benjamin Castaldi. Stessa storia su Twitter, dove la sequenza è stata ampiamente ripresa e commentata. “Sciocchezze! La vita del bambino è più importante di quella del cane se lo fosse tuo figlio non diresti lo stesso Penso”ha scritto un netizen. Un altro commento: “Una parola stronzo per il ragazzo che pensa che la vita di un cane valga la vita di un bambino…”. Ecco altri esempi di commenti:

Anche Guillaume Genton ha ricevuto ancora messaggi di sostegno. E tu cosa ne pensi?

Leave a Comment