La Russia impone sanzioni a Google per “immagini false” – Notizie ICT

Il controller dei media russo Roskomnadzor sta imponendo sanzioni alla società madre di Google, Alphabet, per la diffusione di immagini false della guerra in Ucraina.

Secondo il controllore, il gruppo tecnologico americano viola quindi la legge russa. Ora è vietato alle aziende russe inserire pubblicità sulle piattaforme Internet di Google.

Per Roskomnadzor, la piattaforma video YouTube, di proprietà di Google, è “una delle principali piattaforme che diffondono immagini false dello svolgimento dell’operazione militare speciale compiuta dalla Russia sul suolo ucraino”. Secondo il controllore russo, YouTube è colpevole di “screditare le forze combattenti della Federazione Russa”.

Da tempo YouTube subisce forti pressioni da parte delle autorità russe. Roskomnadzor in precedenza aveva raccomandato a Google di interrompere la pubblicazione di annunci contenenti informazioni fuorvianti sulla guerra in Ucraina. All’inizio di marzo, la stessa Google ha deciso di sospendere temporaneamente la vendita di pubblicità online in Russia. Questo vale anche per YouTube. Poco dopo l’invasione russa dell’Ucraina, Google aveva già reso impossibile acquistare o vendere pubblicità per i media statali russi.

Secondo il controllore, il gruppo tecnologico americano viola quindi la legge russa. Alle aziende russe è ora vietato inserire pubblicità sulle piattaforme internet di Google.Per Roskomnadzor, la piattaforma video YouTube, di proprietà di Google, è ‘una delle principali piattaforme che diffondono immagini false dell’andamento dell’operazione militare speciale compiuta dalla Russia sull’Ucraina suolo’. Secondo il controllore russo, YouTube è colpevole di “aver screditato le forze combattenti della Federazione Russa” e da tempo subisce forti pressioni da parte delle autorità russe. Roskomnadzor in precedenza aveva raccomandato a Google di interrompere la pubblicazione di annunci contenenti informazioni fuorvianti sulla guerra in Ucraina. All’inizio di marzo, la stessa Google ha deciso di sospendere temporaneamente la vendita di pubblicità online in Russia. Questo vale anche per YouTube. Poco dopo l’invasione russa dell’Ucraina, Google aveva già reso impossibile acquistare o vendere pubblicità per i media statali russi.

Leave a Comment