La passione di Amélie per il Maine Coon, un gatto XXL ipersociale ma fragile

Amélie Kelen ha avuto una cotta per il Maine Coon nel 2007. Da allora è a capo di un allevamento di questa razza di gatti, la più grande del mondo e la più richiesta in Francia.

Il procione principale è il gatto più grande del mondo. Originario degli Stati Uniti, è facilmente riconoscibile. Oltre al suo corpo imponente, sfoggia orecchie appuntite sormontate da un pennacchio chiamato punte di Lynx, un muso possente e un profilo marcato.
Amélie Kelen è una dottoressa. Si è innamorata di questo animale e ha iniziato ad allevare 14 anni fa a Brignais, alla periferia di Lione.

Tutto è iniziato nel 2007 con un primo esemplare, Chaman. ” Abbiamo avuto una vera cotta. Abbiamo scelto questa razza perché è un gatto eccezionale, estremamente affine e gentile. E ha questo piccolo lato da animale selvatico, molto selvaggio”. Amélie si ritrova molto rapidamente sollecitata per spettacoli di gatti. Sul posto, gli viene quindi consigliato di trovare un compagno per “questo allevatore molto carino”. Arriva il momento della prima cucciolata poi tutto è legato naturalmente.

Stone, Shadow, Kiss, Chandra… oggi 7 gatti compongono il suo branco. Tutti vivono in uno spazio sicuro vicino alla casa di famiglia. Un luogo vasto che ha rappresentato un investimento consistente. Non c’è da stupirsi quando vedi Kiss, uno dei maine coon della famiglia. L’animale domestico di 5 anni è lungo 1 m 10 e pesa 11 kg 200. Ha bisogno di spazio.

Quando ha aperto il suo allevamento nel 2008, la specie era poco conosciuta nel territorio e l’allevamento del gatto era molto raro. Negli anni, questa razza originaria degli Stati Uniti sta guadagnando popolarità.

Secondo Libro Ufficiale delle Origini Feline, le nascite in Francia sono passate da 2.600 nel 2018 a 23.549 nel 2021. Monopolizza il primo posto nel cuore dei francesi; molto prima del sacro birmano. Il loro carattere ipersociale, che contrasta con la loro statura imponente, ha conquistato molte famiglie.
Amélie è molto vigile e questo aumento la spaventa. ” Quando una gara va di moda, purtroppo non è nel suo interesse. Chi dice moda, dice molto allevamento (non necessariamente serio) e allevamento eccessivo per soddisfare una domanda che non rispetta i criteri della razza in termini di salute“.

Da parte sua, Amélie rispetta il ciclo naturale delle nascite. Un gatto fa al massimo una cucciolata all’anno tra 1 anno e 6 anni. Ad oggi, Amélie non trae alcun profitto dal suo allevamento. Lei è equilibrata. I costi sono compensati dalla vendita dei gattini.

Amélie ci confida in accenni che sta organizzando un vero casting per trovare una famiglia per i suoi gatti. ” È un gatto che ha bisogno di tempo, che ha bisogno di sollecitazioni perché si annoia in fretta. Invito le famiglie che hanno un secondo gatto […] in modo che non si annoi mai”. Sottolinea inoltre che, a causa del suo carattere sicuro di sé, le sue possibilità di sopravvivenza in un ambiente ostile come un ciglio della strada sono limitate. “È un gatto che non possiamo far uscire perché ruba o si fa molto male“. Deve essere in grado di vivere al chiuso o in un giardino sicuro. Per quanto riguarda il budget, devi anche esserne consapevole “come tutti gli animali di razza ha bisogno di più cure veterinarie”.

Il prezzo di un gattino è di 1.400 euro e la lista d’attesa è di 2 anni.

Leave a Comment