Infine, Web3 fa uno sforzo per combattere Google Maps – TechCrunch

Più di un decennio fa, un gruppo di dipendenti di Yahoo ha lottato per competere con Google Maps quando la neonata azienda ha speso in modo aggressivo i suoi rivali e ha ampliato la sua offerta con una visione grandiosa e un’impareggiabile propensione al rischio.

“Non avevamo lo stesso budget e alla fine hanno vinto. Ma come persona competitiva, è stato profondamente frustrante per me”, ha affermato Ariel Seidman, che ha ricoperto il ruolo di chief product officer di Yahoo.

Ben presto, Siedman ha co-fondato Gigwalk e ha tentato di utilizzare gli smartphone per fornire i dati delle mappe. La startup ha raggiunto 2 milioni di utenti, accumulato decine di milioni di dollari di entrate, ma nelle sue stesse parole “non avrebbe mai raggiunto la scala necessaria per costruire una mappa del mondo”.

Molte cose sono cambiate negli ultimi anni, il che ha convinto nuovamente Siedman che ora è il momento giusto per provare a realizzare il suo sogno di lunga data di costruire un’infrastruttura di mappatura globale.

Il notevole aumento dei prezzi di Google Maps quattro anni fa ha sorpreso innumerevoli aziende che hanno fatto affidamento sull’offerta del produttore Android. Questo ha sconvolto molti di loro e ha spinto alcuni a provare alternative.

Tre fondatori di startup in India e Pakistan mi hanno detto negli ultimi anni che ridurre la dipendenza da Google Maps consente loro di risparmiare decine di migliaia di dollari ogni mese, ad esempio.

Un’indagine antitrust incombe anche su Google Maps, secondo Reuters, che ha riferito il mese scorso che il Dipartimento di Giustizia aveva “dato nuova vita a un’indagine su Google Maps per determinare se l’unione del servizio con altri software di Google sta soffocando la concorrenza illegale”.

E poi c’è tutta la spinta di web3.

Siedman crede che ora ci sia il giusto modello di incentivi – ottenere una comunità dietro il progetto e condividerne i benefici – e l’infrastruttura che può aiutare un progetto a scalare rapidamente e fornire una soluzione aziendale sensata ed economica.

“Solo le aziende tecnologiche più grandi e capitalizzate del mondo hanno le risorse per fare la mappatura digitale e, anche con tutte queste risorse, le immagini a livello stradale in molte parti del mondo non sono all’altezza.” aggiornato solo una volta ogni due anni. Ciò causa a cascata problemi logistici, municipali e politici. Tuttavia, le mappe hanno il potenziale per essere quasi in tempo reale. Una mappa open source di proprietà della comunità è l’unico modo per costruire in modo permanente una visione viva, respirabile e sempre aggiornata del nostro mondo”, ha affermato.

Martedì, Hivemapper, la nuova start-up di Siedman, ha annunciato di aver raccolto 18 milioni di dollari per fare ulteriori progressi nella sua impresa.

Il round di finanziamento di serie A della startup è stato guidato da Multicoin Capital. Decine di altri investitori, tra cui Craft Ventures, Solana Capital, Shine Capital, Spencer Rascoff’s 75 e Sunny Ventures, hanno anche partecipato al round, portando l’aumento di tutti i tempi di Hivemapper a $ 23 milioni.

Gli investitori stanno ottenendo sia azioni che warrant per i token nel nuovo round, ha affermato Siedman in un’intervista a TechCrunch.

Hivemapper crea una rete di mappatura decentralizzata basata su blockchain. Si basa su dashcam, contributori di mappe e conducenti per acquisire filmati 4K a livello stradale. Questi dati vengono quindi elaborati, modificati per garantire la qualità e annotati.

I consumatori di mappe gestiscono la mappa tramite una serie di API che possono richiamare immagini, indicazioni stradali, ricerche di geocoder e altro ancora. La funzione Freshview della piattaforma consente ai consumatori di ingrandire un incrocio e vedere una sequenza temporale time-lapse di quella posizione.

Per il loro contributo, Hivemapper afferma di premiare sia i piloti che gli editori con il token nativo della startup chiamato HONEY.

Siedman ha affermato che la sua conversazione con un certo numero di imprenditori, tra cui Amir Haleem, fondatore e CEO della rete wireless decentralizzata Helium, lo ha aiutato a guadagnare fiducia nel modello di business di dare la proprietà ai contributori. Haleem si unisce anche al consiglio di amministrazione di Hivemapper.

“Questo è ciò che genera lealtà. È questo che genera passione, no? E alla fine della giornata, soprattutto per i primi sostenitori, mi sentivo come se anche se avessero guadagnato $ 5.000 o $ 10.000 in contanti, non sarebbe mai stato significativo rispetto al valore che stavano effettivamente fornendo per la carta nei primi giorni. La proprietà li compenserebbe adeguatamente, soprattutto se la mappa del mondo diventasse decine di decine di decine di miliardi di dollari o centinaia di miliardi di dollari”, ha affermato.

L’uso delle dashcam ha i suoi vantaggi. Tushar Jain, socio amministratore di Multicoin Capital, ha affermato che le dashcam consentono ai conducenti e all’azienda di evitare di spendere per costosi veicoli di mappatura “o di pagare persone per guidare queste auto in giro.

Al contrario, la rete può semplicemente identificare le regioni che devono essere mappate e inserire ricompense lì, che vengono poi rivendicate da una vasta comunità di contributori di mappe desiderosi di rivendicare quei premi semplicemente guidando i loro spostamenti quotidiani. Di conseguenza, Hivemapper crea una copertura, una freschezza e una qualità senza precedenti in un modo radicalmente più conveniente”, ha affermato.

Hivemapper è attualmente attivo in nove aree metropolitane. Prevede di essere lanciato in altri 30 mercati quest’anno prima di espandersi nelle regioni internazionali.

La start-up, per cominciare, prevede di soddisfare le esigenze di aziende come società di logistica e consegna, governi e ONG.

Hivemapper costruito sulla blockchain di Solana. (Le aziende acquisteranno credito, che verrà elaborato sulla blockchain. Ma ogni chiamata API da parte dell’azienda per l’utilizzo di Hivemapper non verrà trattata come transazione.)

Hivemapper afferma che inizierà a spedire la sua dashcam, al prezzo di $ 449, a luglio di quest’anno. Siedman ha detto di essere disponibile a scambiare il token HONEY su borse popolari, ma non è questo l’obiettivo immediato.

Leave a Comment