Il trucco di Google porta a più accuse per l’uomo della zona di Wausau

Di Shereen Siewert

Un suggerimento di Google sulle foto sessualmente esplicite presumibilmente archiviate sui suoi server ha portato a 11 accuse di reato contro un uomo dell’area di Wausau dopo un’indagine della Internet Crimes Against Children Task Force.

James Siddons, 54 anni, di Schofield, deve affrontare 11 capi di imputazione per possesso di materiale pedopornografico in un caso depositato il 5 aprile presso il Marathon County Circuit Court.

Il materiale è stato segnalato il 15 ottobre ai funzionari locali, che hanno rintracciato le foto e i video sull’account di Siddons, secondo i documenti del tribunale. Funzionari del Dipartimento di Giustizia del Wisconsin hanno inviato agli investigatori locali quattro file video, che sono stati poi messi al sicuro come prova presso il dipartimento di polizia della metropolitana dell’Everest. I file inviati includevano un video di un bambino che veniva aggredito sessualmente da un adulto, secondo i documenti del tribunale.

La polizia ha ottenuto un mandato il 9 dicembre per cercare in Google Files ulteriore materiale presumibilmente conservato da Siddons, quindi ha perquisito la sua casa il 4 aprile, giorno del suo arresto. Le accuse sono state presentate il giorno dopo.

In una prima apparizione il 5 aprile, il giudice di circuito Scott Corbett ha stabilito un’obbligazione in contanti di $ 25.000 per Siddons, che rimane dietro le sbarre l’11 aprile. Giovedì è prevista una conferenza preliminare.

Leave a Comment