Il prezzo di questo alimento ampiamente consumato in Francia aumenterà notevolmente!

I pomodori molto apprezzati dai francesi potrebbero vederne aumentare esponenzialmente il prezzo nei prossimi giorni, a causa della guerra in Ucraina.

Questo alimento, che presenta notevoli vantaggi come la riduzione dell’ipertensione grazie al suo alto contenuto di potassio, è ampiamente cucinato in Francia. Alcuni pensano che sia un vegetale, ma in realtà è un frutto.

Pomodori: un alimento importante nella nostra dieta

In salsa, cotto o crudo, il pomodoro popola i nostri frigoriferi, ovunque in Francia. I produttori lo deplorano: un pomodoro su due non è francese. Nel nostro territorio ben l’80% della produzione di pomodoro viene coltivato fuori terra, e necessita quindi di riscaldamento a pavimento.

Le escursioni termiche degli ultimi mesi, infatti, hanno ridotto la produzione francese.

I consumatori potrebbero, a seconda dell’aumento dei pomodori nei bidoni dei supermercati, rivolgersi ai produttori spagnoli o di altri paesi europei.

In Francia, l’80% dei pomodori viene coltivato fuori terra. In altre parole, è il riscaldamento artificiale che nelle enormi serre svolge il ruolo del sole. Più fa freddo, più il riscaldamento dovrebbe essere aumentato.

Una causa molto specifica di questo improvviso aumento

La guerra in Ucraina ci ha portato a ridurre le nostre importazioni nazionali, che sono diverse e variegate.

Il prezzo della benzina, ma anche quello del gas, tendono ad esplodere in Francia e sui mercati economici europei; ma allora, perché il prezzo dei pomodori potrebbe aumentare esponenzialmente nei prossimi giorni?

A causa della guerra in Ucraina, alcuni produttori si aspettano una spinta dai grandi gruppi di distribuzione e dalla grande distribuzione, in particolare ai margini.

Il prezzo del gas potrebbe infatti avvicinarsi molto presto ai 220 euro al megawatt, contro i 30 euro di prima. Un vero shock per i produttori francesi, che faranno sicuramente fatica a resistere a questo aumento.

Attenzione, il prezzo dei pomodori francesi potrebbe aumentare notevolmente

La guerra in Ucraina ha conseguenze inaspettate sulla produzione di alcuni ortofrutticoli francesi. Questo è particolarmente il caso del pomodoro, come riportano i nostri colleghi di Figaro.

Infatti, mentre il 95% dei pomodori prodotti in Francia viene coltivato fuori terra, il riscaldamento di queste serre rappresenta un problema. Oltre all’impatto ecologico che viene costantemente evidenziato poiché consente di produrre pomodori tutto l’anno, i produttori devono far fronte all’aumento del prezzo dell’energia. Perché per riscaldare queste serre è necessario utilizzare il gas.

Tuttavia, in un anno, il prezzo del gas è stato moltiplicato per dieci secondo i nostri colleghi e il prezzo del megawattora vola via.

Intervistato da TF1, un agricoltore bretone conferma il ritardo: abbiamo piantato tre mesi più tardi del solito e interromperemo la raccolta tra metà e fine settembre invece che fine ottobre come al solito, ha affermato.

La sua serra, che ora è a 12 gradi invece di 20, dovrebbe già dare i suoi frutti.

Carenza e aumento?

Perché un tale ritardo? Di nuovo il prezzo della benzina. Il produttore bretone ha dovuto attendere l’arrivo della primavera per iniziare a riscaldare le sue serre. Altri, che potrebbero non essere stati in grado di dichiarare la loro piantagione, hanno già dovuto buttare via la merce. E ora, gli scaffali dei supermercati a volte sono vuoti di pomodori francesi, dice Le Figaro.

Ci sono i pomodori, ma vengono dal Marocco o dalla Spagna. Per il produttore intervistato da TF1, che sperava di andare in pensione tranquillamente, la situazione è cambiata: per quattro o cinque mesi, mi interrogo fortemente, ammette.

Per i 1.200 ettari di serre francesi il problema non viene solo dall’Ucraina. La guerra in Europa orientale ha solo accentuato il crescente aumento dei prezzi. Mentre il prezzo per megawattora è stato a lungo compreso tra 15 e 30 euro, a febbraio è salito a 220 euro. Oggi si è stabilizzato intorno ai 90 euro, ma è ancora troppo costoso.

pomodori

Il presidente della cooperativa bretone Solarenn avverte: con il prezzo attuale del riscaldamento, questo significa che domani non avremo più pomodori coltivati ​​in Francia. Quale soluzione allora? Secondo alcuni orticoltori, i prezzi dovrebbero essere moltiplicati per due o tre. A rischio di vedere i francesi non comprare più il locale.

Leave a Comment