I ristoratori possono finalmente gioire

Con le vacanze di Pasqua molti ristoratori hanno potuto gioire nel vedere i propri clienti approfittare di questo primo lungo weekend senza limiti di assembramento.

“Avevamo famiglie. Ho avuto molti gruppi di sette persone”, ha esultato Martin Maximilien, gestore del ristorante Rétro 50, a Rimouski.

I clienti erano presenti, anche se la regione di Bas-Saint-Laurent è afflitta da focolai di COVID-19. I ristoranti affermano di aver visto il loro fatturato aumentare dal 35 al 40%.

“Con il COVID, che speriamo vada via, i nostri clienti erano presenti, e ancora oggi [durant le lundi de Pâques]“Ha commentato il proprietario del Café des Halles, Guylaine Sirois.

Tuttavia, la minaccia del virus incombe ancora sulla testa di molti. “Siamo ancora un po’ spaventati, ma speriamo che tutto torni alla normalità, il bel tempo sta arrivando, potremo aprire la terrazza”, ha aggiunto la signora Sirois.

Tuttavia, una grande sfida attende i ristoratori: quella del reclutamento di manodopera.

“Ci aspettiamo una grande estate. Spero che gli studenti siano disponibili”, ha affermato il Sig. Maximilien.

“Sono passati due anni che avrei voluto aprire per le cene, tranne per il fatto che ho un numero di persone nella mia cucina che non deroga e non ho abbastanza persone”, ha detto la signora Sirois.

L’operazione di seduzione è quindi ufficialmente iniziata in vista della stagione estiva.

Leave a Comment