I mangiatori di zuppe hanno un girovita più piccolo

Uno studio riporta che i consumatori di zuppe mostrano una dieta di migliore qualità nutrizionale, il che potrebbe aiutare a spiegare la relazione inversa che spesso si trova tra il consumo di zuppe e il peso.

I dati epidemiologici riportano che il consumo di zuppa è associato a un minor rischio di obesità. Tuttavia, ciò non stabilisce un nesso causale e i meccanismi che possono spiegare un possibile nesso rimangono poco chiari.

I ricercatori dell’Università dell’Iowa negli Stati Uniti hanno condotto uno studio volto a chiarire le relazioni tra consumo di zuppa e apporto energetico giornaliero, densità energetica dietetica, assunzione di nutrienti e qualità del cibo. Hanno confrontato i dati raccolti da 1.291 mangiatori di zuppe di età compresa tra 19 e 64 anni, con quelli di 9.307 non consumatori della stessa età che agiscono come controlli.

Zuppa: una vita più bassa

I risultati indicano che i mangiatori di zuppa mostravano una circonferenza della vita significativamente più piccola e tendevano ad avere un apporto energetico inferiore rispetto ai non mangiatori. Il consumo di zuppe è anche associato a una minore densità energetica, con o senza l’assunzione di bevande o acqua.

Anche il “Healthy Eating Index 2005” utilizzato per valutare la qualità del cibo era significativamente migliore tra i bevitori di zuppe. Lo studio evidenzia inoltre che i consumatori di zuppe seguono una dieta a basso contenuto di grassi e più ricca di proteine, carboidrati e fibre, oltre a diverse vitamine e minerali. Tuttavia, gli autori richiamano l’attenzione sul problema del sale nelle zuppe, chiedendo la preferenza per i prodotti meno salati.

Fonte
Zhu Y, Holls H. BJ Nutrition

* Le informazioni ei servizi disponibili su pressesante.com non sostituiscono in alcun modo la consulenza di professionisti sanitari competenti.

Ti piacciono i nostri contenuti?

Ricevi le nostre ultime pubblicazioni gratuitamente e direttamente nella tua casella di posta ogni giorno

[ADINSERTER AMP]

Leave a Comment