Guerra in Ucraina: un cane diventa famoso dopo aver rilevato decine di mine in Ucraina

La squadra di sminatori ucraini di Chernihiv ha integrato nella sua squadra un Jack Russel dall’olfatto infallibile, al fine di identificare le miniere russe.

La città di Chernihivsituato nell’Ucraina settentrionale, vicino al confine bielorusso, è stato pesantemente colpito dall’inizio della guerra il 24 febbraio. Sebbene le truppe russe non siano più presenti lì, hanno lasciato dietro di sé mine antiuomo, minacciando costantemente la vita dei civili ucraini.

Il Jack Russel: un aiuto prezioso

Il Servizio nazionale di emergenza dell’Ucraina (DSNS) è quindi responsabile del rilevamento di queste mine per poterle poi neutralizzare. Per massimizzare la loro efficienza, hanno scelto di includere nella loro squadra un Jack Russel terrier di due anni, chiamato patrono.

Questo cane, con una capacità olfattiva circa 40 volte superiore a quella dell’uomo, rappresenta un grande aiuto per gli sminatori ucraini. Insieme sono riusciti a identificare più di 90 mine vicino a Chernihiv dall’inizio della guerra.

Un eroe nazionale?

I video condivisi sui social media dal Servizio nazionale di emergenza dell’Ucraina (DSNS), mostrano “Boss” in azione. Questi video, dopo aver ammorbidito il mondo intero, hanno reso il cane un vero eroe nazionale.

\ud83d\udc36Notizie del patron! Il nostro cane militante – la mascotte dei pirotecnici di Chernihiv continua a servire!

Dall’inizio della guerra, lui e i genieri della SES hanno eliminato quasi 90 ordigni esplosivi. Grazie, amico mio, per il tuo instancabile lavoro?! pic.twitter.com/z6ktUyQGSN

– DSNS.GOV.UA (@SESU_UA) 19 marzo 2022

La mascotte ha persino un account Instagram a suo nome, seguito da quasi 20.000 persone. Le istantanee dell’animale con il suo giubbotto antiproiettile vengono condivise lì ogni giorno.

Sul loro account Twitter, il Servizio nazionale di emergenza dell’Ucraina (DSNS) spiega che Patron “è l’anima e la mascotte dei nostri pirotecnici di Chernihiv”. Coccolato dai colleghi, riceveva persino il formaggio, la sua prelibatezza preferita, quando riusciva a identificare quelli che loro chiamano “regali dalla Russia”.

Leave a Comment