Google vuole dichiarare bancarotta in Russia, ma continua a offrire i suoi servizi gratuitamente – SEO & Engine News

Google Russia potrebbe dichiarare bancarotta a seguito del blocco dei conti della società da parte del governo del Paese. Una nuova tappa nell’attuale lotta tra il Cremlino e l’azienda di Mountain View…

Google ha recentemente indicato che i suoi conti bancari in Russia erano stati sequestrati dal governo di Vladimir Putin e che la prima conseguenza di questa azione è stata che la filiale della società di Mountain View in questo paese avrebbe dichiarato bancarotta.

Il sequestro del conto bancario di Google Russia da parte delle autorità russe impedisce al nostro ufficio in quel paese di operare, assumere e pagare i nostri dipendenti, pagare fornitori e fornitori e adempiere ad altri obblighi finanziari “Spiega l’azienda in un comunicato diffuso da Reuters. Google, tuttavia, lo afferma le persone in Russia si affidano ai nostri servizi per l’accesso a informazioni di qualità e continueremo a mantenere servizi gratuiti come Ricerca, YouTube, Gmail, Mappe, Android e Play »

Secondo una nota pubblicata mercoledì sul registro ufficiale russo Fedresurs, la filiale di Google intendeva dichiarare bancarotta e dal 22 marzo aveva pianificato un'”incapacità di far fronte ai propri obblighi monetari”, inclusi TFR, retribuzione del personale attuale ed ex e pagamenti obbligatori in tempo.

Già nel dicembre 2021 un tribunale russo aveva condannato Google a una multa di 87 milioni di euro, accusando il gruppo americano di non aver rimosso contenuti considerati “proibiti” dalla dittatura in atto. Nel processo, la chiusura dell’account YouTube della camera bassa del parlamento russo e il blocco di molti canali pro-Putin non hanno aiutato gli affari dell’azienda americana. Il database del Servizio federale degli ufficiali giudiziari della Russia ha elencato due sequestri da metà marzo, senza specificare gli importi, nonché altre multe e costi di esecuzione. Il servizio ha confermato di aver sequestrato beni e proprietà da Google.

Google ha confermato di aver trasferito molti dei suoi dipendenti fuori dalla Russia da quando Mosca ha dichiarato guerra all’Ucraina il 24 febbraio.

Google è ora considerata in Russia come una società che svolge attività “terroristiche”, i suoi strumenti potrebbero essere bloccati nel prossimo futuro in quella che sembra molto una resa dei conti tra le due parti. In questo caso, anche i servizi gratuiti che ha deciso di lasciare disponibili online non potrebbero più funzionare, in particolare lasciando campo aperto a Yandex (lo stesso in una situazione delicata) in termini di motore di ricerca… Per informazioni, il genitore di Google Alphabet ha dichiarato il mese scorso che la Russia ha rappresentato l’1% delle sue entrate lo scorso anno, ovvero circa 2,6 miliardi di dollari.

Google in Russia. Fonte: DOTT

Leave a Comment