Google lancia la sua app iOS Passa ad Android

Google lancia un’applicazione iOS per passare ad Android. Semplifica il passaggio ad Android, certo, ma ci sono ancora punti critici.

Il passaggio da un sistema operativo a un altro è un punto di attrito per gli utenti a molti livelli, incluso il trasferimento dei dati, l’abitudine a una nuova esperienza utente e forse la disponibilità delle applicazioni. Oggi, Google semplifica il passaggio da iOS ad Android con una nuova app iOS chiamata Passa ad Android.

Google lancia un’applicazione iOS per passare ad Android

L’app in questione richiede un account Google e una connessione Internet attiva in quanto il trasferimento dei dati avviene tramite Google Drive.

A giudicare dagli screenshot della scheda panoramica, si può vedere che i dati tipici come Contatti, Eventi del Calendario, Foto e Video vengono trasferiti. Tieni presente, tuttavia, che alcuni dati delle app potrebbero non essere trasferiti. Dovrai quindi trovare tu stesso le informazioni e, nel peggiore dei casi, presumere che solo i dati di cui sopra verranno effettivamente trasferiti.

L’applicazione Google ti consente anche di spostare le foto da iCloud a Google Foto, questo, sospettiamo, per guadagnare nuove quote di mercato. Detto questo, Google Photo è un’opzione di archiviazione molto solida e se hai intenzione di passare ad Android per sempre, ha perfettamente senso. Non possiamo raccomandare abbastanza Google Photo, senza escludere totalmente Microsoft OneDrive.

Semplifica il passaggio ad Android, certo, ma ci sono ancora punti critici

Poiché le app non vengono spostate, molti casi dovranno essere gestiti manualmente, trovando l’equivalente Android e installandolo, cosa che avrebbe potuto essere eseguita automaticamente. Forse nelle versioni future. Il trasferimento di dati da una versione iOS a una versione Android di un’app è molto più problematico e spesso richiede la convalida da parte dello sviluppatore. Tuttavia, questo potrebbe anche essere automatizzato tramite un meccanismo di conversione, anche se fornito dallo stesso sviluppatore, tramite un’API. Sfortunatamente, questo è solo un sogno in questa fase.

Potremmo anche sperare in un’opzione per trasferire questi dati in modalità cablata, ma sfortunatamente al momento dobbiamo passare al wireless, e quindi al web. Il che potrebbe richiedere del tempo se si dispone di un dispositivo da 512 GB con molti dati.

Questa nuova applicazione è tuttavia più facile da usare rispetto al metodo precedente basato sul backup tramite Google Drive. Si spera che l’intero processo continui ad evolversi. Tutto ciò che rende più semplice il passaggio da iOS ad Android e viceversa, è una buona cosa per gli utenti.

Leave a Comment