Google discute il valore dei dati strutturati non consigliati

Google ha rilasciato un episodio di Cerca fuori record sui dati incorporati. Un argomento interessante che hanno sollevato è stato come Google potrebbe utilizzare dati che vanno oltre ciò che le pagine degli sviluppatori di Google consigliano. Martin Splitt ha affermato che più dati possono essere migliori.

Ma ci sono avvertimenti sull’aggiunta di più dati forniti oltre a quelli consigliati da Google.

Schema.org e i consigli di Google per dati aggiornati

La parte rilevante del podcast è iniziata quando Lizzi Sassman, Technical Writer del gruppo Search Relations, ha osservato che i dati in fuga dalla documentazione da Schema.org erano più grandi della documentazione trovata nelle pagine di aiuto per gli sviluppatori di Google.

I consigli sui dati forniti da Google utilizzano solo una frazione di tutti i dati forniti disponibili documentati su Schema.org.

L’ecosistema dei dati forniti è più ampio di Google e ci sono molti usi per i dati forniti che vanno oltre ciò che Google consiglia e in base a ciò che Google ha condiviso in questo podcast, Google potrebbe utilizzare alcuni di questi dati forniti aggiuntivi non consigliati che sono fuori dai libri in termini di ciò che Google consiglia.

Le start-up dietro Schema.org sono:

  • Google
  • Microsoft
  • yahoo
  • Yandex Commenta

Tuttavia, ci sono importanti contributori di Drupal e molti altri nella più ampia comunità web.

Pertanto, Schema.org e la terminologia dei dati definita che sviluppano è di gran lunga maggiore della quantità essenzialmente piccola di dati definiti raccomandata da Google.

Ryan Levering, un ingegnere del software di Google, ha convenuto che Schema.org ha a disposizione un vocabolario molto più ampio di quello utilizzato da Google.

Leva osservata:

“Quindi è solo un modo per esprimere informazioni.

…Quindi è molto ampio e deve tenere conto di tutti i diversi casi d’uso che potrebbero essere utilizzati per questo.

Lizzi Sassman, scrittrice tecnica per le relazioni di ricerca, ha notato quanto Schema.org potrebbe essere illimitato:

“E l’applicazione di queste cose potrebbe essere illimitata o come altre persone possono quindi usarla per dire: ‘Abbiamo bisogno di questo tipo di informazioni per fare questa cosa. Oppure è l’aspetto di Google che aggiunge il “Questo è ciò che possiamo farci se conosciamo queste informazioni”. »

Utilizzo dei dati generati da Google

Hanno quindi notato che i consigli trovati sulle pagine degli sviluppatori di Google hanno una portata limitata, ma che Google potrebbe utilizzare dati che vanno oltre i loro consigli.

È importante notare che l’obiettivo dei consigli sui dati integrati di Google è più o meno aiutare gli editori a ottenere risultati multimediali consentendo a Google di identificare facilmente le immagini da visualizzare nei risultati multimediali e i dati da utilizzare in questo contesto.

Ciò di cui il googler ha poi parlato è stato l’utilizzo dei dati forniti per aiutare Google a sapere di cosa tratta una pagina.

Questo utilizzo va oltre ciò che Google consiglia nel ma per mostrare risultati ricchi ed è qualcosa che John Mueller ha menzionato in passato.

Ma questo ulteriore utilizzo dei dati raccolti non viene cancellato documentato.

Quindi è come se, se lo conosci, allora puoi godertelo.

Martin Splitt, un sostenitore degli sviluppatori di Google, ha chiesto:

“… Ma i dati forniti sono utili al di là di ciò che utilizziamo, ad esempio, per alcune funzionalità di ricerca come i risultati multimediali?

Approfitta delle risposte che Google potrebbe eventualmente utilizzare dati emessi non consigliati.

Ryan Leva:

“Possiamo eventualmente usarlo per alcune cose in Google.

…Non consiglio mai alle persone di non inserire dati aggregati sulla propria pagina web se ha un senso semantico.

… Abbiamo anche alcune cose che generalmente possiamo capire sull’argomento della pagina. E a volte i dati che ci metti sopra possono entrare in quello.

Ora è una specie di processo molto ML, in cui guardiamo tutto il testo sulla pagina e guardiamo altre cose che hanno a che fare con la pagina.

I dati raccolti sono quindi solo un segnale in questo calcolo globale.

Ma può aiutarci con una certa disambiguazione in termini di quale sia la pagina effettiva. Quindi è utile, ma solo in un senso più implicito in questo momento. »

I dati forniti non consigliati possono essere un segnale aggiuntivo

Lizzi Sassman ha affermato che i dati aggiuntivi potrebbero aiutare Google a capire meglio cos’è una pagina web.

Ryan Levering ha osservato che probabilmente potrebbero capire cos’è una pagina Web senza dati incorporati.

Ma che in alcuni casi può essere più difficile sapere di cosa tratta una pagina ed è qui che possono essere utili ulteriori dati aggiuntivi.

Leva osservata:

“Quindi è difficile trasmetterlo in alcune delle nostre notizie e in altre cose che troveremo davvero utili”. Perché è un calcolo sfumato.

Ma quando ci sono problemi a rilevarlo, possiamo usarlo come segnale aggiuntivo.

Quindi di solito è nei casi limite in cui troviamo utili queste cose. »

Martin Splitt ha commentato quanto sia stato utile aggiungere più dati se aiuta a chiarire cos’è una pagina.

Split ha commentato:

“È davvero, davvero fantastico, e penso che sia generalmente facile dire che più dati, purché siano corretti e riflettano ciò che viene mostrato all’utente sulla pagina, non sono mai peggiori. , non è vero.

È sempre meglio aggiungere più dati per chiarire il contenuto della pagina.

Un avvertimento inerente a ciò che ha detto Martin Splitt è che qualsiasi cosa nei dati incorporati dovrebbe essere anche nella parte visibile della pagina web. Google considera spam quando il contenuto dei dati non corrisponde al contenuto della parte visibile della pagina web.

Citazione

Ascolta il Google Podcast su YouTube alle 11:56:

Leave a Comment