Google apre il suo secondo negozio fisico a Williamsburg, Brooklyn – TechCrunch

Alla I/O Developer Conference di Google, l’azienda ha annunciato l’apertura del suo secondo negozio fisico a Williamsburg, Brooklyn. La società afferma che il nuovo negozio è il primo dei suoi “negozi di quartiere” e fornirà agli acquirenti un’esperienza pratica simile al suo primo negozio fisico in assoluto, aperto lo scorso anno a Chelsea, Manhattan. Il nuovo negozio di Williamsburg si trova in 134 N 6th Street e aprirà al pubblico il 16 giugno.

I clienti possono visitare il negozio per provare i prodotti hardware di Google, come Pixel 6 Pro o Nest Audio. Il negozio comprende un’area con divani in modo che gli acquirenti possano immaginare come sarebbe utilizzare prodotti Google specifici a casa. L’area sarà utilizzata anche per ospitare eventi e workshop locali.

Simile al flagship store di Google, i clienti possono anche trovare i prodotti sulla bacheca “Grab & Go” o ritirare un preordine effettuato online. C’è anche un desk “Qui per aiutarti” che i clienti possono visitare per ottenere aiuto con cose come le riparazioni dei telefoni Pixel direttamente dagli esperti di Google.

Il negozio sarà inoltre caratterizzato da display interattivi progettati per mostrare come l’hardware e i servizi di Google interagiscono. Ad esempio, puoi esplorare i piani telefonici di Google Fi e scoprire quale colore Pixel ti piace di più.

Inoltre, il negozio presenta un’installazione dell’artista di Brooklyn Olalekan Jeyifous, la cui arte esplora le relazioni tra architettura, comunità e ambiente. Google utilizzerà il suo negozio di Williamsburg per ospitare eventi locali che celebrano Brooklyn, come passeggiate guidate in cui gli utenti possono provare le funzioni della fotocamera Pixel.

Sebbene Google stia esplorando le vetrine da un po’ di tempo e stia sperimentando i pop-up, l’azienda sembra prendere sul serio i suoi esperimenti di vendita al dettaglio di marca con questa seconda posizione. Anche i punti vendita al dettaglio sembrano far parte di una più grande spinta hardware per l’azienda.

Leave a Comment