Fougères: Phoenix, il cane salvato dall’inferno è rinato

Ramzy Kraiem, capo dell’Animal Friends Refuge a Fougères-Romagné, e Phœnixe, il cane che ha salvato. (©La cronaca repubblicana)

Una rinascita. Le avevamo lasciato lo scheletro, la pelle sulle ossa e le costole visibili… Un mese dopo, il cane husky salvato dal suo inferno dal Rifugio Fougères trovato il pelo della bestia.

Lei vive di nuovo. “È piena di energia ed energia. Ha preso 15 kg”, sorride Ramzy Kraiem, il gestore del Rifugio con sede a Bonne Fontaine, tra Fougères e Romagné.

Con la sua squadra hanno deciso di chiamarlo Phoenix “perché è rinata dalle sue ceneri e con la e, perché è una femmina”.

Rapporti allo sbando

Ha sensibilizzato l’articolo sul salvataggio di Phoenix e la sua diffusione sui social network. Non passa giorno senza che il Rifugio venga contattato per segnalazioni di maltrattamenti o abbandono di animali. “Ne abbiamo circa dieci alla settimana da quando è stata raccontata questa storia”, calcola Ramzy. Anche da Rennes, Parigi e il Grand Est. “In questi casi mi riferisco ai colleghi delle strutture locali”.

Zanne nude

Questo husky siberiano, classe 2014, è arrivato però in pessimo stato. Vicino alla morte. Affamata, disidratata, riusciva a malapena a stare in piedi.

Anche i suoi denti sono stati attaccati con diverse zanne nude “sicuramente legate al fatto che aveva mangiato dei sassi”, pensa Ramzy che ricorda che “barcollava e pesava non più di quindici chili quando l’abbiamo portata guarita. Pochi giorni dopo è morta. »

S
Phoenix aveva il cuore spezzato quando Ramzy Kraiem l’ha salvata dal suo buco infernale. ©La cronaca repubblicana

Con cura

Gli amici delle bestie l’hanno presa sotto la loro ala. Al Rifugio, Ramzy installa Phœnixe a parte, “in un luogo dove il traffico è minimo. Non volevo che fosse un’attrazione.

Con gli altri tre dipendenti, sono molto premurosi. Il cane viene nutrito con speciali crocchette per l’aumento di peso e integratori alimentari per fornirle ciò che le è stato gravemente carente per settimane. Viene vista da un veterinario e curata anche lei. “Un osteopata animale verrà presto e lo metterà bene”, aggiunge Ramzy.

Video: attualmente su Actu

Circa dieci giorni dopo essersi sistemata, Fenice ritrovò la compagnia di altri cani. E uomini. Senza difficoltà. “È molto socievole e non mostra segni di aggressività. È felice di vederci”.

Un futuro felice?

E adesso ? Il cane non appartiene al Rifugio. È lì solo su richiesta giudiziaria in attesa di una decisione.

Pochi giorni dopo i soccorsi, il Rifugio aveva sporto denuncia in questura per maltrattamenti. Il proprietario è stato identificato. “Legalmente, lei gli appartiene ancora. Non possiamo farlo adottare finché la Giustizia non avrà deciso”, riassume Ramzy Kraiem che non capirebbe se gli venisse restituito. “Sarebbe assolutamente fantastico. »

Tanto più che Phoenix sembra avere un futuro tutto tracciato, molto più roseo dell’inferno in cui stava lottando il mese scorso: due famiglie hanno già fatto sapere al Rifugio di essere pronte ad accoglierla.

Questo articolo ti è stato utile? Nota che puoi seguire La Chronique Républicaine nella sezione Le mie notizie. In un click, dopo la registrazione, troverai tutte le novità delle tue città e dei tuoi brand preferiti.

Leave a Comment