evitare il fallimento della salute, una sfida per i produttori di alimenti

DECRYPTION – Il proliferare di richiami di prodotti alimentari in questi giorni solleva interrogativi sulle norme sanitarie che regolano gli stabilimenti alimentari e sui controlli ivi effettuati.

Pizze Buitoni, prodotti al cioccolato Kinder, formaggi Graindorge… Negli ultimi giorni sono stati collegati richiami di prodotti di grandi marche, sollevando molte domande sul funzionamento delle fabbriche alimentari e offuscando la fiducia dei consumatori. Tuttavia, questi produttori sono effettivamente costretti a rispettare norme igienico-sanitarie molto rigide.

Tutti gli stabilimenti agroalimentari devono possedere dei prerequisiti in termini di igiene: lavaggio delle mani ad ogni ingresso, attrezzature pulibili, manutenzione preventiva delle macchine, installazione di sensori per valutare la qualità dell’aria, dell’acqua e dell’ambiente, ecc. “, spiega Jean-Philippe Capitan, ingegnere consulente in gestione dei rischi per la salute e miglioramento delle prestazioni e della qualità nell’industria alimentare. A questo si aggiunge…

Questo articolo è riservato agli abbonati. Hai ancora l’87% da scoprire.

Coltivare la tua libertà è coltivare la tua curiosità.

Continua a leggere il tuo articolo per 1€ il primo mese

Sei già iscritto? Login

Leave a Comment