Divieto di riscaldare i terrazzi a Tolosa: i ristoratori resistono

l’essenziale
Dal 1 aprile a bar e ristoranti è vietato riscaldare le proprie terrazze. Tuttavia, i ristoratori e gli inquilini dei bar di Tolosa continuano a farlo.

“Ad aprile, non scoprirti per un filo…” All’inizio del mese, il proverbio assume il suo pieno significato a Tolosa. Le temperature sono scese drasticamente negli ultimi giorni. Chi era solito sedersi in terrazza per bere qualcosa o mangiare vedeva il calore dei raggi del sole scomparire per lasciare il posto a una fresca brezza. Ristoratori e baristi hanno lasciato in funzione gli impianti di riscaldamento nonostante il divieto, in vigore dal 1 aprile.

Tuttavia, non si espongono a pesanti sanzioni. In caso di mancato rispetto del divieto di riscaldamento del terrazzo, i trasgressori sono puniti con la sanzione fino a 1.500 euro, e 3.000 euro in caso di recidiva. Ma per il momento la pedagogia è dalla parte delle comunità e dello Stato fino al prossimo inverno. Non sarà redatta alcuna sanzione, solo solleciti di legge.

“La terrazza deve essere chiusa”

La scorsa settimana, Olivier Bouscatel, direttore di diversi ristoranti e membro dell’Union des métiers et des Industries de l’hôtellerie de Haute-Garonne, ha annunciato che “molti di noi (ristoratori) interromperanno l’uso del riscaldamento per questa stagione e non lo faranno riaccenderli il prossimo”. Oltre al rischio quasi inesistente in caso di spavalderia, certi inquilini di bar riconoscono di non impossessarsi del tutto con il divieto.Io lascio acceso l’impianto di riscaldamento. Il nostro è elettrico, penso che abbiamo ancora il diritto. Ho visto altre barre tenerle accese. Sono quelli con il gas che sono vietati…”, argomenta un bar manager di Place Saint-Georges.

Philippe Belot, vicepresidente dell’Umih dell’Alta Garonna, ricorda: “L’impianto di riscaldamento è vietato sia elettrico che a gas in tutti i terrazzi che non sono completamente chiusi. »
Ritiene che molti ristoratori abbiano frainteso il divieto o non ne fossero a conoscenza.

Leave a Comment