Dal 1 luglio sarà necessario presentare un permesso per acquisire un animale: “Una falsa buona idea”

Il deputato vallone (Aywaille) Philippe Dodrimont ama gli animali al punto da possederne ben venti: 20 gatti, 8 asini e 3 pony (presto 4), “tutte braccia rotte che ho raccolto”, dice. Ma si interroga sul nuovo sistema che entrerà in vigore il 1° luglio in Vallonia. Per acquisire un animale, per acquistarlo o per adottarlo, dovrai esibire le tue credenziali al venditore, rifugio, commerciante… Nello specifico dovrai presentare un estratto del fascicolo centrale attestante che non sei stato decaduto o vietato dalla licenza di detenere un animale, a seguito di una condanna o sanzione pronunciata da un giudice o da un funzionario sanzionatorio. L’idea: non mettere un animale nelle mani dei “boia” che rischiano ancora una volta di essere maltrattati.

Il deputato vallone Philippe Dodrimont (MR) interrogherà il ministro Tellier su questo argomento. – FotoNotizie

“A priori una buona idea, ma…”

“A priori, è una buona idea perché rafforza le condizioni future per acquisire un animale. Ma ho un po’ paura che questo permesso si trasformi in una falsa buona idea “, afferma il deputato Philippe Dodrimont, che la prossima settimana interrogherà il ministro del benessere degli animali Céline Tellier (Ecolo). “Temo sostanzialmente due cose. 1. Che non ci mettiamo abbastanza controlli dietro, per assicurarci che tutto vada bene. Mi fido completamente di rifugi e commercianti. Ma come sempre, alcuni potrebbero essere tentati di non richiedere questo documento. Tuttavia, da quello che ho sentito, ci sono troppo pochi agenti nell’Unità per il benessere degli animali per essere in grado di controllare tutto questo; 2. Seconda paura, il digital divide. Per accedere a questo documento, potrebbe essere necessario andare in digitale. Questa nuova esigenza non diventerà un ostacolo all’adozione, da parte degli anziani o delle persone che vivono senza internet?

Interrogato dalla Federazione belga dei commercianti di animali da compagnia, il deputato Dodrimont interrogherà anche il ministro sulle specie coperte da questo famoso permesso.

“Anche per il pesce rosso?” »

“Riguarderà anche i pesci rossi e gli uccelli? Interrogherà anche il ministro degli Enti locali Christophe Collignon (PS) su questo famoso fascicolo centrale che sarà gestito dalla Regione Vallone e sul modo in cui i comuni rilasceranno gli atti ai cittadini.

“Se prendiamo in considerazione solo le condanne per abusi sugli animali e non prendiamo in considerazione i casi in corso (e non ancora giudicati), rischiamo di mancare il bersaglio”, teme Philippe Dodrimont. “E poi, per quanto tempo sarà valido il documento?” »

Altri osservatori si chiedono se i comuni saranno pronti il ​​1° luglio a emanare questo famoso documento.

Leave a Comment