Covid-Omicron: le sottovarianti BA.4 e BA.5 cambiano categoria per le autorità sanitarie europee

L’ECDC (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) ha espresso preoccupazione per queste due sottovarianti.

Una nuova ondata epidemica sarà causata dalle sottovarianti di Omicron? L’Europa, attraverso il suo Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha classificato come “Varianti di interesse” le sottovarianti BA.4 e BA.5. Queste mutazioni di Omicron, rilevate per la prima volta in Sud Africa a gennaio e febbraio 2022, presentano prove che potrebbero avere un impatto sulla situazione epidemiologica in Europa, indica il sito web dell’ECDC.

Leggi anche:
Covid – Omicron: rilevato in Francia il primo caso della sottovariante BA.5

Tuttavia, l’agenzia non dispone, per il momento, di dati relativi alla sua trasmissibilità, il suo impatto sull’immunità e la sua gravità. La sua trasmissione è sporadica e avviene soprattutto durante i viaggi.

La mutazione L452X della variante BA.2 posta sotto sorveglianza

Nel suo rapporto settimanale, l’ECDC colloca nella categoria “Varianti sotto sorveglianza” la mutazione L452X della sottovariante BA.2. Questo potrebbe avere proprietà simili a quelle inserite nella casella di “Varianti preoccupanti” (la categoria di sorveglianza più forte) ma l’ECDC non raccoglie prove sufficienti. Riunisce in questa categoria di “varianti sotto sorveglianza” le sottovarianti XD e BA.3.

Leggi anche:
Covid – Omicron: vantaggio di crescita, contagiosità, gravità, perché l’OMS monitora attentamente le nuove varianti BA.4 e BA.5?

Leave a Comment