Covid – Omicron: dopo la scoperta di 600 casi nel Regno Unito, la variante XE “10% più contagiosa di BA.2” avvistata a 9.000 km di distanza

Il crisi da Covid-19 è finito? Mentre i paesi stanno a loro volta optando per la revoca restrizioneil dubbio rimane. Uno perché i numeri di contaminazione sono sempre impressionanti sotto l’impulso diOmicron e il suo sottovarianti. Due, perché la prospettiva di nuove varianti, più contagiose e più severe fa sorgere timori di un ritorno alle misure.

Leggi anche:
Covid: nuova variante, contenimento di massa, infezioni in aumento… La Cina schiera con urgenza quasi 38.000 operatori sanitari a Shanghai

Quindi ogni volta un nuova variante nasce dal nulla, la preoccupazione sta guadagnando terreno. Questo è il caso di BA.2sottovariante di Omicron, così contagiosa da diventare dominante. Questo è il caso di Deltacron. Un ricombinante (di Delta e Omicron) che non sembra dare origine a forme più gravi della malattia. Ma che, d’altra parte, apre la porta ad altri ricombinanti le cui caratteristiche sono imprevedibili.

In Finlandia, nel Regno Unito…

Lunedì il Dipartimento di Scienze Mediche di Tailandia ha indicato che a nuova variante è stato rilevato nel paese. Il suo nome: XE. “X” sta per “croce”, e quindi una ricombinazione di due varianti di Omicron. “E” è una lettera d’appellativo. XE è un ricombinante di BA.1 e BA.2. Già avvistato Finlandia o dentro Israeleil UK segnalato anche 600 casi scoperti dal 19 gennaio. La British Health Safety Agency (UKHSA) considerando che XE lo è “10% più contagioso” rispetto a BA.2.

Leggi anche:
Covid – Omicron: “10% più contagioso di BA.2”, scoperti nel Regno Unito più di 600 casi di una nuova variante

A più di 9.000 km di distanza, in Thailandia, la variante XE è stata rilevata il 22 febbraio in un uomo di 34 anni, fattorino, e quindi a contatto con tante persone in un solo giorno.

Leave a Comment