cosa sostituire quella del girasole?

A causa della guerra in Ucraina, gli specialisti concordano sul fatto che presto arriverà in Francia una carenza di olio di girasole. Facciamo il punto e spieghiamo con cosa sostituirlo in cucina.

Il guerra in ucraina ha già avuto molte ripercussioni su l’economia francese. Oltre all’aumento del prezzo del gas e del petrolio, alcuni generi alimentari come il grano potrebbero esaurirsi nelle prossime settimane. Questo è anche il caso di olio di semi di girasole, ampiamente prodotto in Russia e Ucraina e che La Francia dipende per l’80%.. Secondo gli specialisti, questo la carenza potrebbe iniziare a farsi sentire entro una settimana in Francia e privarci di uno degli oli più utilizzati in cucina. Le Journal des Femmes suggerisce alcuni oli per cucinare con qualcosa di diverso dall’olio di semi di girasole.

Cosa posso sostituire con l’olio di semi di girasole?

Olio di semi di girasole è ampiamente usato per friggere il cibo. Per questo metodo di cottura, può essere sostituito da olio d’oliva o olio di arachidiperché resistono alle alte temperature senza produrre sostanze nocive per la salute.

Se volete fare preparazioni fredde, come a maionese o vinaigrettea partire dal molti oli possono essere adatti. Per esempio:

  • olio d’oliva ;
  • Olio di Colza;
  • olio di soia;
  • olio di mais;
  • olio di noci;
  • Olio di arachidi ;
  • Olio di sesamo ;
  • olio di noci;
  • olio di avocado ;
  • olio di lino ;
  • olio di semi d’uva;
  • Olio di Argan ;
  • olio di mandorle.

Carenza di olio di girasole: ricette industriali modificate

La carenza di olio di girasole in Francia essendo imminente, l’UFC Que Choisir avverte che alcuni preparazioni industriali, come cibi fritti, impanati, patatine o croste di torte, potrebbero subire a cambio ricetta senza poter aggiornare in tempo a elenco degli allergeni presenti nei loro prodotti. “Questa sostituzione, che potrebbe estendersi da uno a due anni, pone due problemi di mancanza di informazione al consumatore: la menzione del rischio allergenico e la correttezza delle informazioni sul prodotto”, precisa l’associazione. Per rimediare, chiede l’UFC Que Choisir “l’aggiornamento delle ricette sui siti e-commerce delle catene di distribuzione e su quelli dei produttori”e la costituzione di cartelloni pubblicitari ben visibili sugli scaffali ha riguardato. Al posto dell’olio di girasole, alcuni prodotti industriali possono contenere olio di palma, di soia o di colza. Stai attento!

Leave a Comment