Concorso canino: cani sulle tracce di persone scomparse a Champniers

Il principio è semplice: una persona si perde volontariamente su una distanza di 2 km. Quattro ore dopo, il cane deve trovarla.

Che cos’è la ricerca di utilità? Questa è la ricerca delle persone scomparse, disciplina che fa parte delle attività cinofile della Société centrale canine. 10 coppie conduttore-cane partiranno, per un periodo di circa un’ora e un quarto, verso diversi siti intorno ad Angoulême.

Cinque oggetti nascosti in natura

“Il principio è semplice, una persona si perde volontariamente su una distanza di 2 km sia nelle aree rurali che urbane. Quattro ore dopo, il cane, grazie al suo olfatto, deve, seguendo lo stesso percorso, trovarla e identificarla”. specifica Nathalie Martial, la presidente del club briaud. Durante il suo peregrinare, la persona ricercata prendeva sentieri, sentieri, prati, pascoli, borghi, villaggi e ogni spazio di abitazione, lasciando cadere cinque oggetti in natura, due depositati, due sepolti e uno in altezza. Alla fine del suo percorso si nasconde e aspetta che il cane lo scopra grazie a questi indizi olfattivi.

Hervé Guichard, giudice ufficiale, e un commissario, in questo caso Christine Labrocherie del club Briaud, che conosce il percorso della pista e la posizione degli oggetti, seguono il cane a distanza. Il giudice assicura la regolarità dello svolgimento della prova e, in base ai risultati, concede una menzione o meno sul proprio libretto di lavoro. Il risultato della Coupe de France di questo fine settimana determinerà una classifica con un certo numero di punti. Questi punti accumulati con quelli dell’anno stabiliranno la classifica del campionato nazionale. I risultati saranno annunciati domenica 10 aprile intorno alle 18 presso la sala Paul-Dambier di Champniers.

“È un peccato che la Regione, l’Assessorato e GrandAngoulême abbiano rifiutato di concederci un aiuto finanziario per l’organizzazione di questo grande evento nazionale, con il pretesto che non rientrava tra i Giovani e lo Sport perché la nostra attività dipende dal Ministero dell’Agricoltura”. , lamenta Christine Labrocherie, prima di aggiungere: “Fortunatamente, una ventina di donatori, commercianti e artigiani ci hanno sostenuto con il loro aiuto finanziario. Il municipio di Brie partecipa all’affitto del municipio di Champniers, quello di Brie in opera non può riceverci ».

Una sfida per i 35 volontari che da mesi lavorano per garantire la buona riuscita di questo evento. I tracker saranno a terra dalle 3 del mattino, i piloti pronti a trasportare le squadre, in parallelo con tanto lavoro di preparazione in cucina per il ricevimento e la consegna dei premi.


Christine Labrocherie e il suo cane Alois stanno cercando una persona scomparsa.

Archivio fotografico CL

Leave a Comment