cibo scaduto in un negozio di alimentari senza esistenza legale nel centro della città

Martedì 5 aprile è stato effettuato un controllo interamministrativo su queste due strutture situate in rue Montluc e di fronte alla chiesa di Saint-Jean-d’Août a Mont-de-Marsan. “In loco c’erano due funzionari delle tasse, due di Urssaf, quattro membri della brigata di polizia di frontiera (PAF) di Hendaye, specializzata nella regolarità dei permessi di soggiorno, un conduttore di cani della dogana e quattro agenti di polizia del Mont-de- Questura di Marsan», spiega l’accusa Montois.

Distruzione di prodotti scaduti

Se non è stata rilevata alcuna traccia di vendita illegale di tabacco e alcol, il controllo ha rivelato una serie di violazioni delle norme igieniche. “Nei due negozi di alimentari è stato trovato cibo scaduto nei frigoriferi e nei congelatori. Si tratta di salumi e piatti la cui data di scadenza era scaduta da diversi mesi. Gli agenti hanno provveduto all’immediata distruzione di questi generi alimentari”, spiega il sostituto procuratore.

Gli agenti hanno anche scoperto che uno dei negozi di alimentari, quello di Saint-Jean-d’Août, non aveva esistenza legale. “Il manager, di origine afghana, che possiede anche la seconda, ovviamente semplicemente non aveva dichiarato alle tasse questa struttura. Gli inquirenti hanno anche trovato una persona in una situazione di lavoro occulto. Sarebbe un richiedente asilo che non ha il diritto di lavorare sul territorio francese.

Leave a Comment