“ci vogliono circa 2400 litri di acqua per fare un hamburger” avverte l’Alec

Di recente, i membri dell’agenzia locale per l’energia e il clima (Alec) di Lione hanno presentato uno studio istruttivo sugli hamburger. E più in particolare sulle risorse necessarie per produrli. Trovare risposte precise non sembra così semplice, dal momento che queste cambiano a seconda degli ingredienti che scegli all’interno del tuo panino.

L’impatto sul carbonio di un hamburger di manzo è quindi 14 volte superiore a quello di un hamburger vegetariano. spiega l’Alec senza però precisare l’origine delle figure. Per chi mangia hamburger vegetariani una volta al mese, “si tratta di circa un hamburger di manzo e 4 hamburger di pollo” per un anno spiega il “servizio dell’area metropolitana di Lione e attori che lavorano per la transizione energetica”.

Scopriamo anche che il fabbisogno idrico è pesante per produrre Whoopers, Big Mac o persino Marcel Jackson.

Per un hamburger con carne occorrono circa 2.400 litri di acqua. Per fare un confronto, è un po’ meno che per la fabbricazione di una t-shirt, con circa 2.700 litri, ma generalmente una t-shirt viene utilizzata più di una volta, il che la rende un investimento migliore”. L’Alec cita poi il Water FootPrint Network che afferma che un onnivoro “chi sostituirebbe il 50% dei prodotti animali nella propria dieta con piante potrebbe ridurre la propria impronta idrica del 30%”.

Resta da vedere se i consumatori sono pronti a cambiare le loro abitudini alimentari nel tentativo di limitare il loro impatto sul pianeta.

X

.

Leave a Comment