Caso Ferrero: Salmonella, E.coli… batteri comuni, con ceppi a volte molto virulenti

L’intossicazione alimentare legata all’ingestione di cibo contaminato da batteri patogeni può portare a gravi complicazioni. La salmonellosi è la più diffusa in Europa. Più raro, l’avvelenamento da E.coli è anche molto più pericoloso.


Articolo riservato agli abbonati

Vice capo del servizio aziendale


Tempo di lettura: 3 min

JTutti e due hanno in comune che sono batteri intestinali. Ma se l’Escherichia coli (in breve E.coli) – che si trova nelle pizze Buitoni in Francia – è naturalmente presente sia nell’uomo che negli animali, questo non è il caso della salmonella – nei cioccolatini Kinder – che si sviluppa esclusivamente negli animali. Questi due batteri, tuttavia, hanno ceppi più virulenti di origine animale, che possono causare avvelenamento umano. Come? ‘o’ cosa? Principalmente per ingestione di alimenti contaminati da animali infetti, crudi o poco cotti (carne, uova) o, per E.coli, per contatto diretto con acqua contaminata o ruminanti (manzo, capre, pecore) che possono essere portatori asintomatici di ceppi patogeni del batterio . “La salmonellosi, causata dalla proliferazione della salmonella nel tratto digestivo, è la seconda intossicazione alimentare più comune in Europa”, spiega Eric Muraille, immunologo dell’ULB.




Questo articolo è riservato agli abbonati

Con questa offerta, goditi:
  • Accesso illimitato a tutti gli articoli, file e report della redazione
  • Il giornale in versione digitale
  • Comodità di lettura con pubblicità limitata

Leave a Comment