Casi Kinder e Buitoni: il 53% dei francesi…

Salmonella nei cioccolatini Kinder, E. coli nelle pizze Fraîch’up di Buitoni, formaggi richiamati per rischio listeria, ma anche salumi contaminati: in Francia aumentano i richiami alimentari… Tanto che il 53% dei francesi dichiara di volerlo cambiare le loro abitudini di acquisto, secondo un sondaggio YouGov realizzato per LSA, dall’8 all’11 aprile su un panel di 1.026 persone rappresentative della popolazione adulta francese. Resta da vedere quanto durerà questa diffidenza (qualche settimana, qualche mese…) e la differenza tra la dichiarazione e gli atti di acquisto effettivi?

Tra questi francesi che affermano di voler cambiare le proprie abitudini, il 62% vuole evitare di acquistare i marchi coinvolti. Più della metà prevede di evitare di consumare i prodotti interessati (55%), come la cioccolata o le pizze surgelate, mentre altri vogliono eliminare i prodotti trasformati (43%).

Perdita di fiducia nel settore alimentare?

Per ora, quasi la metà dei francesi (48%) non si fida dell’industria alimentare, secondo questo sondaggio condotto dopo i casi Kinder e Buitoni.

L’83% di loro ritiene che questo settore dovrebbe essere controllato maggiormente aumentando i controlli di qualità statali (72%), penalizzando finanziariamente le violazioni (57%) o rafforzando gli standard igienici (53%).

Leave a Comment